Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA

Le Linee Programmatiche sono il primo provvedimento che ogni Consiglio comunale deve adottare. È il documento che mostra alla città quali sono le scelte e gli interventi che dovranno essere messi in atto, qual è la visione che li guida e come questi caratterizzeranno l’azione di governo lungo tutta la consiliatura. In realtà il vostro è un testo vuoto, perché manca proprio di quelle “azioni e progetti” che, sul piano della concretezza, devono dare indirizzo e corpo alle delibere di governo che la Giunta dovrà mettere in campo fornendo indicazioni alla città sulla direzione verso la quale questa amministrazione vuole muoversi. L’unica cosa che invece permea tutto il documento, e lo fa in maniera trasversal



«Per tre mesi D' Alema ha detto che ero inadeguato a correre come sindaco di Roma, poi ventiquattr' ore prima ha detto che avrebbe votato secondo le indicazioni del partito, alla fine chissà…». A Roberto Giachetti, il candidato primo cittadino del Pd sconfitto alle ultime amministrative da Virginia Raggi, vice presidente della Camera, renziano di ferro, resta il dubbio. Tuttavia i due dem, Giachetti e D' Alema, si confronteranno sul referendum costituzionale alla Festa dell' Unità di Roma il 16 settembre.

Giachetti, già su Twitter circola la battuta su dove comprare il biglietto per assistere al suo match con D' Alema. Lei ha un certo coraggio.