Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Giachetti nelle periferie per far dimenticare il Pd


Foto articolo
Roma, 05-03-2016
Fonte: La Stampa

«Giachetti, i politici come lei hanno rubato tutto. Non è possibile venire qui per una passerella». Alle quattro di pomeriggio a Tor Sapienza al complesso Ater di viale Morandi, periferia abbandonata di Roma est, Irene, leader del movimento per il diritto all' abitare, non le manda a dire al candidato delle primarie del Pd Roberto Giachetti. Qui si trovano più 500 abitazioni. Decine di extracomunitari che hanno occupato alcuni locali all' interno dell' agglomerato. «Una volta c' erano farmacie, negozi. Adesso ci sono soltanto disperati», spiega un assessore del VII municipio.

In questo mese Giachetti ha macinato più di duemila chilometri, attraversando la Capitale in lungo e in largo. E ha riservato per il penultimo giorno di campagna elettorale delle primarie questo angolo dimenticato di Roma. Qui il problema sembra essere il famigerato articolo 5 del «Piano casa», una norma che regola gli sfratti. Omero, sulla cinquantina, se la prende con il candidato dem: «Siete tutti uguali, è venuto Orfini promettendo di risolvere la questione ma poi non si è fatto più vivo». Giachetti non si scompone. Anzi, risponde per le rime ai manifestanti: «Io non c' entro nulla. Non ho rubato. Non sono stato né con la giunta di Marino né con quella di Veltroni. Non pensate che sia venuto a fare passerella o a chiedere voti».
Nonostante la pazienza di Giachetti, accompagnato dalla fedele Benedetta che gli detta i tempi («putroppo Roberto dobbiamo andare»), il grande accusato fra questi palazzoni è il partito democratico.

L' ombra di mafia capitale

Irene è una furia: «Lei sta con il Pd, lo stesso partito di Ozzimo, lo stesso partito di mafia capitale». L' aria non cambia nemmeno a Piazza De Cupis. Davanti alla scuola elementare Gesmundo l' ex radicale incontra il presidente dei commercianti, Mario Marchetti. La piazza è blindata da quattro camionette della polizia. Si teme una protesta da parte dei neri di Casapound. «Da minuto all' altro arriveranno e si scaglieranno contro Giachetti», annuncia Alberto, un pensionato seduto al Bar Valeri. Alberto non voterà mai per Giachetti perché «il Pd non è un partito di sinistra. L' unico che vedo di sinistra è Paolo Ferrero».
Forte invece è il vento che gonfia le vele ai Cinquestelle. «Dopo un anno di disoccupazione a 250 euro al mese adesso lavoro per una ditta di pulizie. Ma questa volta non mi fregheranno. Ormai ho deciso: voterò i grillini», annuncia Pino. Brucia anche l' allarme sicurezza. Per il presidente dei commercianti Mario Marchetti è il problema numero uno: «Abbiamo un campo rom fra i più caldi di Roma. Inoltre, ci sarebbero tante abitazioni che rischiano di essere occupate. Ci sentiamo abbandonati». Questo quartiere sembra essere il manifesto dello scontento delle periferie. Un anno fu l' epicentro degli scontri fra residenti e migranti. Dovettero intervenire le forze dell' ordine. Giachetti però non si arrende. Non ha promesso denaro ma «competenze» per far diventare i municipi «veri e propri comuni».
Basterà a placare questa rabbia?

L' appello ai cittadini

Nella lunga giornata il vice presidente della Camera non trascura nulla. Fa visita a un centro per anziani in viale Lepetit. L' accoglienza almeno stavolta è calorosa. Una signora l' invita a fare un match a burraco. «La ringrazio, ma non so giocare», risponde sorridendo. Giachetti ha fretta di andare, il pomeriggio di campagna elettorale è ancora lungo, ma la presidente del Circolo lo invita a dire due parole: «Qui la gente vuole sentire la sua voce, non la conoscono».
Il candidato obbedisce, quasi incredulo. C' è ancora qualcuno che ha voglia di ascoltare un politico da queste parti. Prende il microfono e in poche parole spiega quale sia il suo programma: «Sono qui per ringraziarvi. Voglio dirvi semplicemente che sto raccogliendo tante idee per far ripartire Roma. Allo stesso tempo non ho alcune intenzione di fare promesse a vanvera. Non accadrà più quello che è successo negli anni passati. Però, vi dico anche che non bastano il miglior sindaco e la migliore squadra di assessori. Ogni cittadinodeve contribuire».
Pietro, un anziano seduto in un tavolo di burraco, dice all' amico: «È una brava persona, ma non lo voterò perché è del Pd». In fondo è questa la difficoltà di «Bobo». Vincere anzitutto contro la cattiva fama del suo partito.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta