Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Apre la "stazione" Giachetti «Sfido i dilettanti M5S»


Foto articolo
Roma, 15-04-2016
Fonte: Il Messaggero

LO SCENARIO
Alla fine dice che si sta muovendo come «se fossi già sindaco». Parla un' ora e un quarto («come nelle migliori dirette di Radio Radicale», ironizza qualcuno) e fa capire di sentirsi già al ballottaggio. Perché? Martella per un bel po' il M5S, solo il M5S, l' avversario da superare pieno di «pressappochismo» e «dilettantismo». Tutti gli altri candidati, a partire da quelli del centrodestra, Roberto Giachetti non li prende in considerazione: zero citazioni.
Ex dogane di San Lorenzo, una volta scalo merci ferroviario da anni luogo cool della notte romana, da ieri "stazione Giachetti". Un luogo dal richiamo renziano (la Leopolda, a Firenze, era uno scalo) e metropolitano. In alto i treni passano, avanti e indietro, alle spalle del candidato Pd sicuro di «convincere destra e grillini». 

GLI SLOGAN
Si apre dunque il quartier generale del democrat tappezzato dal grido di battaglia «Roma torna Roma» e dagli altri slogan tematici escogitati dai creativi dell' agenzia Proforma. Tipo: «Pane e rose», «Cesare e Obelix», «Bilanci senza buchi, strade senza buche», «Olimpiadi nel 2024, decoro subito». Campagna vagamente veltroniana basata sull' inclusivo «ma anche».
Nel cortile dell' ex dogane, molto popolato ma non proprio gremito, tanto ceto politico dem. Il governatore Nicola Zingaretti (che sarà l' unico a salire sul palco per abbracciare il candidato), il commissario del Pd Matteo Orfini (che non incrocerà mai lo sguardo con Zingaretti, ma che in compenso si trastullerà tra le mani l' agenda Moleskine con tutte le liste dei candidati).
Ci sono Ileana Argentin, la turborenziana Lorenza Bonaccorsi, il presidente dei senatori Luigi Zanda e il collega Raffaele Ranucci, il deputato molto potente nel vecchio Pd Umberto Marroni, ex consiglieri comunali pronti al bis e altri che non correranno come Fabrizio Panecaldo, l' ex assessore di Alemanno, Umberto Croppi.
Spunta il ministro della Cultura Dario Franceschini, la cui moglie, Michela Di Biase, è in lista. Ecco Piero Badaloni, ex governatore del Lazio, che per uno scherzo della rete era stato dato per morto («Io sono vivo, e anche l' elettrocardiogramma del Pd dà i primi segni»). Natale Di Cola sta qui - «in ascolto» - per la Cgil ma ammette che forse, per la prima volta, «il voto di noi dirigenti potrebbe essere diverso da quello degli iscritti». E si ritorna ai grillini. Dati comunque per favoriti, anche da queste parti, seppur sotto voce.
Giachetti però è carico.

I PROGRAMMI
E si butta in un discorso pieno di passione e con «molta ciccia» (trasporti, municipi, periferie, sicurezza). «Il programma c' è: ci divertiremo» E quindi benvenuti contenuti, per il Pd la Kryptonite da usare contro la Raggi. «Competenza e onest à - ribadisce il vicepresidente della Camera - che non si dichiara, ma si dimostra: la mia è specchiata, le mie liste saranno pulite». E se la Raggi non vorrà la carta di credito che inguaiò l' ex sindaco Marino (mai menzionato, già digerito), Giachetti rilancia: «Bisogna saper affrontare le cose serie: il debito».
I vertici delle aziende? «Non caccerò a priori nessuno: incontrerò gli amministratori di Acea, Atac e Ama, dirò loro la mia missione, se sono d' accordo bene». Passione e confronto, la stessa esercitata da «Bobo», prima del comizio, con i movimenti anti-sfratti.
Giachetti finisce di parlare prima delle otto, abbracciato dall' onnipresente renziano Luciano Nobili, e in un momento di foga, parafrasando forse De André, annuncia: «Trasformeremo la m... in oro».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta