Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Le opportunità per Roma nell' era della sharing economy


Foto articolo
Roma, 16-04-2016
Fonte: Il Foglio

Caro Chris Lehane,

ho letto la tua lettera al Foglio ("Lettera all' Italia di Airbnb", 8 Aprile 2016) e ho deciso (ringraziando per la disponibilità il direttore del quotidiano) di risponderti, da candidato sindaco della Capitale. Ti ringrazio per le parole sulla Dolce Vita romana e per il tuo interesse a collaborare con il nuovo sindaco e la nuova giunta capitolina.
Il fatto che Airbnb si rivolga alla nostra città ci fa capire quali siano le potenzialità di Roma ma anche il ritardo accumulato nel decennio del boom dell' economia della condivisione. Airbnb è nata solo nel 2008 e a oggi ha avuto 60 milioni di clienti, ospitati in 34 mila città disseminate in 190 paesi. Queste sono le opportunità per chi ha idee vincenti nell' era della sharing economy.
L' amministrazione di una grande città come Roma deve affrontare le trasformazioni della modernità, non può rinchiudersi né isolarsi. E la sharing economy è uno dei grandi fenomeni del nostro tempo. Un' evoluzione che cambia in profondità l' economia e, di riflesso, anche il modo di fare amministrazione, di regolamentare. Ho letto con interesse del vostro recente accordo con Parigi e Amsterdam in Europa e con alcune grandi città negli Stati Uniti. Anche Roma ha bisogno di regolare e valorizzare il ruolo di Airbnb e in generale il ruolo della sharing economy.
Da sindaco intendo giungere a un accordo per ottenere il vostro impegno a versare automaticamente nelle casse comunali la tassa di soggiorno. Vale la pena di ricordare che a Parigi - nei soli primi tre mesi di applicazione - tale meccanismo ha portato nelle casse del comune oltre 1.200.000 euro. A questo impegno di trasparenza si accompagnerà la nostra collaborazione per favorire la diffusione della cultura della condivisione. Le indicazioni che ci provengono dalle grandi città del mondo sono preziose. Le piattaforme di sharing economy - nell' ospitalità o nel trasporto urbano ma non solo - favoriscono un controllo reciproco, pubblico e trasparente dell' esperienza di chi offre e di chi riceve un servizio. Nel caso dell' ospitalità, questo significa trasparenza, fiducia e rispetto delle regole per offrire un soggiorno di qualità, sia esso economico o di lusso.
Sempre a Parigi, i municipi verificano periodicamente il rispetto delle regole e rispondono prontamente agli abusi denunciati dai vicini di casa. In questo modo si limita la concorrenza sleale agli alberghi perché le transazioni non avvengono in contanti e diviene più difficile eludere le imposte sui redditi. So perfettamente che gli alberghi sono la spina dorsale del nostro turismo, ma c' è molto spazio anche per altre forme di ospitalità che permettano soggiorni più lunghi tanto alle famiglie quanto ai professionisti; tanto agli studenti in cerca di una stanza economica quanto ai milionari cinesi che vogliono soggiornare in un castello alle porte di Roma.
Le amministrazioni del futuro sono quelle che riusciranno a 'governare' questa trasformazione; quelle che riusciranno a cogliere le opportunità della sharing economy per far crescere le loro economie, per costruire comunità di consumatori e, insieme, a crescere e a formare cittadini all' altezza delle sfide. 

Roberto Giachetti, candidato Sindaco di Roma


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta