Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Giachetti al Corriere «Strumenti meno onerosi e flessibili, per tutti una vita indipendente»


Foto articolo
Roma, 14-05-2016
Fonte: Corriere della sera

«Caro Luca, io sostengo la candidatura di Roma2024. Le Olimpiadi sono un’opportunità per prenderci cura degli impianti esistenti ma soprattutto Roma2024 significherebbe anche Giochi Paralimpici, la cui prima edizione fu a Roma nel 1960.
Da Sindaco sosterrò le associazioni che promuovono lo sport tra le fasce più deboli (come il Calcio Sociale) e tra i disabili. Servono investimenti per garantire ai disabili l’accesso agli impianti, alle palestre e alle tribune. Ciascuno tra i tifosi della propria squadra e non in uno spazio comune riservato ai disabili. Dobbiamo costruire una città in cui bambine e bambini disabili pratichino lo sport insieme ai loro coetanei normodotati: una città inclusiva e integrata. La libertà di muoversi è un diritto inalienabile. Servono più aree pedonali (anche in periferia) e marciapiedi ben curati.
Occorre assicurare l’accesso a treni, tram e bus. Voglio investire su strumenti meno onerosi e più flessibili come il taxi convenzionato e il trasporto collettivo: dobbiamo imparare da Trento. Il Comune deve aiutare le persone con disabilità a costruirsi una vita indipendente anche se non autosufficiente.
Roma torna Roma. E sarà una città migliore per tutti. Anche per i disabili».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta