Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Giachetti, piano in 12 mosse: «Basta buche e giù la Tari»


Foto articolo
Roma, 27-05-2016
Fonte: Il Messaggero

VERSO LE URNE
L' attesa, secondo Roberto Giachetti, era più che legittima, visto che si tratta di «un programma realizzato da mille voci e cento mani», che «non guarda solo alla campagna elettorale, ma si fa carico dell' enorme lavoro da fare il giorno dopo aver vinto le elezioni». E così, a dieci giorni esatti dall' appuntamento con le urne, il candidato presenta il suo programma per il Campidoglio in 12 mosse, che corrispondono all' agenda della Capitale immaginata da Giachetti per il prossimo quinquennio. Una città che «riprenda il proprio futuro», ma che sia anche «più giusta» e «più competitiva», in un contesto in cui gli abitanti di quartieri come il Salario, Ostiense e Garbatella vivono, in media, sei anni in più dei cittadini di Torre Maura, Torre Spaccata o Giardinetti. Il vice presidente della Camera ha presentato ieri pomeriggio risultati del suo studio sui bisogni di Roma, traducendoli in 94 pagine di priorità per la Città eterna, insieme a Livia Turco (che è anche assessore in pectore alle politiche sociali della sua giunta) e Fabrizio Barca.

I TEMPI
Giachetti cita San Filippo Neri, a 500 anni dalla morte: «Chi fa bene a Roma fa bene al mondo». L' aria è evidentemente cambiata, nel comitato elettorale allo Scalo di San Lorenzo, con un clima di sempre maggiore fiducia nelle possibilità di giocarsi la partita di Palazzo Senatorio «Abbiamo presentato le liste con 15 giorni di anticipo sulla raccolta firme, la giunta con 13 giorni di anticipo sul primo turno e ora siamo qui a presentare il programma», sottolinea Giachetti, che vuole evidentemente togliersi qualche sassolino dalla scarpa dopo le ripetute accuse rivoltegli, dalla campagna per le primarie in poi, di voler fare melina sui suoi obiettivi. «È un programma un po' particolare, che non guarda solo alla campagna elettorale, ma si è fatto carico dell' enorme lavoro da fare il giorno dopo aver vinto le elezioni - sottolinea il candidato dem - Per questo abbiamo messo in campo una squadra per essere operativi subito dopo aver vinto, come credo succederà, le elezioni». Si va dalla «rivoluzione della macchina amministrativa», con una trasformazione che partirà nei primi 100 giorni per un Campidoglio di indirizzo e Municipi più forti, alle soluzioni per far muovere meglio la città, partendo da interventi come la corsia preferenziale sulla Tiburtina, la diramazione del tram 8 verso Marconi e la pista ciclabile sulla Nomentana in previsione del Grab, il Grande raccordo anulare delle bici. Il vicepresidente della Camera punta inoltre su una nuova urbanistica, con riqualificazione e rigenerazione come cardini, censendo nei primi 100 giorni tutte le opere incompiute per poi terminarle.

I PUNTI
Una task force definirà nei primi sei mesi un piano per l' eliminazione degli sprechi e per il miglioramento dell' efficacia dell' amministrazione, con il duplice obiettivo di reinvestire le risorse ottenute nella città e ridurre il peso fiscale sui romani. Dal punto di vista economico, si prevede un piano strategico di Roma fino al 2030 elaborato con istituzioni, università, imprese, associazionismo e parti sociali. E ancora, Roma come città verde e Grande Capitale naturale, con differenziata al 65 per cento in 5 anni, raccolta porta a porta in tutti i Municipi, isole ecologiche per rifiuti ingombranti in 18 mesi: con 200 milioni di investimento ne ritornerebbero 80 all' anno, consentendo una riduzione della Tari del 20 per cento. Contro le buche si pensa alla suddivisione della città in quattro lotti, gare internazionali per i lavori stradali, numero verde 06-Zero buche per le segnalazioni dei cittadini. Quindi un nuovo welfare, partendo da un piano per il superamento dell' emergenza casa, tagliando le liste d' attesa e sostituendo il sistema dei residence con i buoni casa. Per il turismo, l' idea è quella di rimodulare la tassa di soggiorno, trasformandola in una tassa di scopo con cui finanziare promozioni e servizi per il turismo e anche decoro e modernizzazione della città. In tema di sport, figurano il sostegno alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, con priorità a trasparenza e sostenibilità dei lavori, piena accessibilità a tutti, miglioramento e rilancio internazionale della città con interventi di rigenerazione urbana e realizzazione di impianti sportivi diffusi. Grande spazio al progetto per le scuole aperte anche il pomeriggio come luoghi di aggregazione, con l' individuazione di due istituti per ogni Municipio già nel primo anno di consiliatura.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta