Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Corriere, candidati a confronto: incognita Irpef, tariffe e turismo


Foto articolo
Roma, 29-05-2016
Fonte: Corriere della sera

«Vi impegnate, se eletti, a tagliare l' Irpef comunale che è attualmente è al massimo? E come?». È il quarto appuntamento con il «confronto» tra i candidati più importanti per la poltrona di sindaco - rigorosamente in ordine alfabetico: Stefano Fassina di Sinistra italiana, Roberto Giachetti del Partito democratico, Alfio Marchini, civico sostenuto da Forza Italia, Giorgia Meloni di Fratelli d' Italia e Virginia Raggi del Movimento cinque stelle - e gli argomenti per le tre domande erano di natura economica, dalla fiscalità del Comune di Roma, le tariffe, il debito pregresso e il salario accessorio, alle politiche sul turismo.

Le risposte di Roberto Giachetti

Vi impegnate, se eletti, a tagliare l’Irpef comunale che è attualmente è al massimo? E come? In generale, rispetto alle tariffe comunali (asili, mense, Tari, etc) esiste il margine per ridurle?
I Romani pagano il 4,23% di Irpef (lo 0,9% comunale che paghiamo è l’aliquota massima consentita). Nei grandi Comuni ad eccezione di Firenze (che l’ha abolita) l’aliquota è in media allo 0,8%. Serve più efficienza nella gestione del debito pregresso. Rinegozierò i tassi d’interesse sui vecchi mutui, oggi anche superiori al 5%. I risparmi saranno utilizzati per ridurre l’aliquota e per aiutare le famiglie in difficoltà.

Sui dipendenti comunali, come si risolve il nodo del salario accessorio? È una «partita» che va avanti da molto tempo: come pensate 1 di poterla risolvere?
La questione del salario accessorio è cruciale. È diventato esplosivo, con l’intervento del Mef che ha portato all’interruzione dell’erogazione per responsabilità dell’amministrazione Alemanno che ha scelto di ignorare gli allarmi che erano giunti dal 2008. Innanzitutto bisogna sfatare il mito che i dipendenti comunali siano dei privilegiati: i dipendenti capitolini sono pagati meno rispetto ai colleghi di altre città. In secondo luogo, è possibile ricostituire in modo legittimo il fondo per il salario accessorio, di 150 milioni all’anno, con spazio per chiudere velocemente un nuovo contratto integrativo decentrato e restituire ai dipendenti capitolini risorse e protagonismo. Sarà una delle mie priorità.

Roma e il turismo. Avete in mente qualche nuovo evento, o altra iniziativa, per aumentare la permanenza degli stranieri nella Capitale?
La permanenza dei turisti è legata all’offerta: culturale e non solo. Manca un’esperienza, come a Parigi, a Barcellona, che spinga gli stranieri a rimane più a lungo e a tornare. Elaboreremo un Passaporto Cittadino che dia accesso a trasporti, monumenti, eventi sportivi e culturali. Ci saranno percorsi nella Roma classica ma anche in quella contemporanea, aumenteranno le occasioni come Domus Romane e Viaggio nei Fori.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta