Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Costi della Politica, viene dai renziani del PD la prima proposta di legge per abolire i rimborsi


Scarica la Proposta di Legge

Roma, 08-05-2013
Fonte: Ansa

I deputati renziani del Pd hanno presentato alla Camera una Proposta di Legge (pdf) per l'abolizione dei rimborsi elettorali e la sostituzione di questi con donazioni da persone fisiche con credito di imposta. La proposta è stata presentata stamani a Montecitorio con una conferenza stampa.

 
«Proponiamo in primo luogo l'abolizione dell'attuale normativa sul finanziamento della politica - ha spiegato il deputato Dario Nardella -. Vogliamo dare al cittadino la possibilita' di scegliere a quale partito dare il suo contributo. Prevediamo finanziamenti fino a un massimo di 10.000 euro e solo da persone fisiche, con un credito di imposta del 40%. Se versi 10.000 euro a un partito, il fisco te ne restituisce 4.000. Il contributo puo' andare a partiti, movimenti e fondazioni».
 
La proposta di legge prevede la possibilità di un ulteriore 3% di credito di imposta per chi versa a soggetti politici che offrono particolari criteri di trasparenza (bilanci certificati, rendicontazione pubblica delle spese).
Il provvedimento è firmato, fra gli altri, dai deputati Dario Nardella, Ivan Scalfarotto, Giuseppe Guerini, Federico Gelli, Luigi Famiglietti, Filippo Crimì, Roberto Giachetti, Alfredo Bazoli.
 
«Tutti oggi si chiedono come ridurre i costi della politica - ha osservato Scalfarotto -. Nessuno pensa a come aumentare il valore della politica. Nessuno si chiede: ma un parlamentare quanto vale? Con la nostra proposta il cittadino può chiedersi se vale la pena di finanziare un partito».
 

 


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta