Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Basta fondi pubblici ai partiti I renziani: scelgano i cittadini


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 09-05-2013
Fonte: Avvenire

I deputati renziani del Pd hanno presentato alla Camera una proposta di legge per l' abolizione dei rimborsi elettorali e la sostituzione di questi con donazioni da persone fisiche con credito di imposta. Francesco Clementi, il giurista che ha stilato l' articolato della proposta di legge (nella foto), spiega: «I partiti non devono avere paura degli elettori. Col credito di imposta pari al 40 per cento del contributo versato e col tetto massimo di 10mila euro si favorisce la contribuzione diretta. C' è poi una considerazione più generale - aggiunge Clementi -: le regole aiutano il cambiamento dei partiti, che non arriverà da solo».

Non un superamento, ma una valorizzazione della forma partito. «Vogliamo dare al cittadino la possibilità di scegliere a quale partito dare il suo contributo», interviene Dario Nardella. «Se versi 10mila euro a un partito, il fisco te ne restituisce 4mila. Il contributo può andare a partiti, movimenti e fondazioni». La proposta di legge prevede la possibilità di un ulteriore 3 per cento di credito di imposta per chi versa a soggetti politici che offrono particolari criteri di trasparenza (bilanci certificati, rendicontazione pubblica delle spese).

Il provvedimento è firmato fra gli altri dai deputati Scalfarotto, Guerini, Gelli, Famiglietti, Crimì, Giachetti, Bazoli. «Un modo - osserva Scalfarotto - per aumentare il valore della politica. Con la nostra proposta il cittadino può chiedersi se vale la pena di finanziare un partito».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta