Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

UNA COSTITUENTE PER ROMA - Perché Roma ha bisogno di tutti


Foto articolo
Roma, 11-01-2018

venerdì 12 gennaio,  alle ore 15 presso il Tempio di Adriano a Piazza di Pietra. 

interverranno: 
Paolo Gentiloni,
Carlo Calenda,
Graziano Delrio,
Giovanni Malagò,
Andrea Riccardi,
Lorenzo Tagliavanti,

Da tempo lancio appelli affinché si riaccendano i riflettori su Roma. La città sprofonda, la macchina amministrativa non funziona, va tutto ricostruito e riprogettato a cominciare dalle competenze del comune, fino a quelle dei Municipi. Al di là delle capacità di chi la governa e delle emergenze quotidiane che siamo costretti ad affrontare, è necessario coinvolgere il governo nazionale, tutte le forze politiche, gli intellettuali, il meglio che abbiamo in città, e pensare a una vera e propria #CostituentePerRoma. Ecco, noi ci siamo e iniziamo a discuterne.

Vi aspettiamo, Roma ha bisogno di tutti.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta




 

di Federico Novella

«Il Pd? È tornato il partito di Bandiera rossa, non potevamo restare su quel treno ».

Roberto Giachetti è un personaggio con cui si può sempre ragionare, al di là degli steccati politici. Sulla sua onestà intellettuale tutti, trasversalmente, sono pronti a mettere la mano sul fuoco. Dopo aver sfidato Nicola Zingaretti nella corsa alla segreteria, oggi è uno dei protagonisti della scissione renziana dal partito democratico. Restò negli annali il suo mitologico sfogo pubblico, durante una direzione di partito, contro la sinistra interna del Pd, riassunto nella frase liberatoria modello Corazzata Pot...(leggi il post completo)



Al direttore

Ci sono due cose che apprezzo dell’intervista di Dario Franceschini di ieri al Corriere della Sera: la coerenza, (questa è la sua linea da un anno a questa parte) e la schiettezza (a differenza di molti altri che pensano e lavorano a questo obiettivo senza metterci troppo la faccia).

Per il resto non sono d’accordo su nulla e mi colpisce la debolezza di analisi da parte di una persona che stimo e di cui sono amico.

Dario rivendica il diritto di “aprire un tema politico senza che parta una campagna interna di aggressione”.

Sono d’accor...(leggi il post completo)








Vogliamo discutere di Roma in maniera costruttiva e non distruttiva, ed è davvero importante che Roma Bella non sia solo uno spazio di denuncia, così come non vogliamo che l’opposizione in consiglio comunale sia un’opposizione cieca e automatica, ma ragionata, coerente e capace di ascoltare tutti. Questo è lo spirito di ‎Roma Bella.

Roberto Giachetti