Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Troppe distanze sulle riforme


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 25-05-2013
Fonte: Il Corriere Adriatico

L' unica cosa certa è che mercoledì prossimo il Parlamento darà il via alle riforme costituzionali con le mozioni della maggioranza. Sulla legge elettorale, invece, è caos. La sorta di braccio di ferro che dicono essersi ingaggiato, tra Enrico Letta e Dario Franceschini da una parte, e, il Pd dall' altro, sta lasciando ai blocchi di partenza la cosiddetta clausola di salvaguardia per il Porcellum che anche nell' ultimo vertice di maggioranza si era detto di voler far partire al più presto. Così, ora, l' intenzione del governo sembra sia quella di sfilarsi, per affidare la pratica interamente alle Camere.

L' idea, si spiega in ambienti di Palazzo Chigi, sarebbe quella di dire: fissiamo un termine (fine luglio) entro il quale Camera e Senato devono intervenire, poi vediamo che succede. A questo punto, il Par lamento sarebbe costretto a raccogliere il guanto della sfida anche per evitare di venire "commissariato" poi dalla sentenza della Consulta che, nel giro di sei mesi, potrebbe intervenire a cambiare la legge Calderoli motivandone l' incostituzionalità. Un coro di democratici, a cominciare da Guglielmo Epifani, ribadisce che la strada maestra non è il ritocco che aumenta al 40% la soglia per far scattare il premio di maggioranza.

Quello che vuole il Pd, infatti, è il ritorno al Mattarellum. Punto e basta. Lo sostengono Luigi Zanda e Anna Finocchiaro. Lo ribadisce Roberto Giachetti e la lista di parlamentari pro-Mattarellum da lui promossa si allunga di ora in ora toccando già quota 94. Il timore è che alzando la soglia al 40% (e basta) si facciano solo gli interessi del governo che così sarebbe "condannato a vivere" visto che nessuno vorrebbe più tornare al voto anticipato sapendo di non poter vincere. E il sospetto più grave, che serpeggia tra i Democrat, è che in questo lasso di tempo gli ex Dc al governo potrebbero provare a formare un grande partito di centro che raccolga anche parti di Pdl e Scelta civica per ripresentarsi alle prossime elezioni. A scapito del Pd.

Franceschini però respinge ogni sospetto e risponde con durezza anche a Renzi che da giorni parla di Porcellinum riferendosi alla mini -modifica. "Mi domando perchè vengano alimentati continuamente dibattiti su cose inventate come questa storia di un presunto accordo interno al governo sui ri tocchi minimi al porcellum", afferma. "Non esiste alcun porcellinum", assicura. Nella riunione di maggioranza, ricorda, si era solo auspicato che nelle mozioni di mercoledì ci fosse un impegno a cambiare la norma Calderoli entro il 31 luglio. Sul resto, osserva, "il Parlamento è sovrano", "basta alimentare tensioni inutili".

Molti, anche nel Pdl, sperano che le fibrillazioni servano in realtà a non far nulla, così, nel caso in cui il governo cada, si torni alle urne sempre con il Porcellum. Ma questa è una "pura illusione", si ribatte nel governo, perchè "nessuno mai consentirebbe di riandare a votare con una legge in odore di incostituzionalità". Pertanto "si mettano l' anima in pace: prima o dopo le riforme costituzionali, la legge andrà cambiata". E a proporre una modifica al "suo" testo è lo stesso Calderoli che vorrebbe inserire una soglia variabile a seconda dei voti presi. La verità, si insiste nel Pd, è che, volendo, i voti per ripristinare il Mattarellum potrebbero anche esserci. Scelta civica e Sel, infatti, ci starebbero e se M5S "facesse ciò che dice", ci starebbe anche lui. E alla fine anche la Lega "potrebbe starci" visto che gli elettori chiedono da anni il ritorno alle preferenze. Intanto, si ribadisce nel Pdl con Schifani e Gasparri, si facciano le riforme, semipresidenzialismo compreso. Ma poi, si ribatte nel Pd, lo affiancherebbero a "una legge seria sul conflitto di interessi?".

Le due cose, infatti, "devono marciare di pari passo". L' altro ieri Mario Monti aveva liquidatospiccio il Cavaliere che parlavadi un accordo con lui ("Forse si tratta di omonimia"). Ma ieri l' ex premiersembra più possibilista, quandospiega in tv "non ci sono patti, ma con Silvio Berlusconi siamo tornati a parlare". Forse complice il sondaggioSwg che vede Sceltacivica in picchiata (con percentuale quasi dimezzata rispetto al voto di febbraio, al 4,9%) il Professore cerca di ridare smalto al suo partito, in attesa dellastagione congressuale. Non sono più esclusi futuri accordi politici con il Pdl ("dove i falchi si fanno ancora sentire, ma non sono al governo") ma neppure con il Pd (visto che "la coalizione con Sel è saltata"), purchè il minimo denominatore comune sia la voglia di fare riforme radicali.

Intanto Monti annunciaun documento di "pungolo" al governo, per "incalzarlo" su riforma del lavoro, occupazione giovanile, conflitto di interessi, legge anticorruzione, riduzione della spesa pubblica. E insieme chiede chesia "rimessa in decenza" lalegge elettorale. L' ex premierva poi all' attacco del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, che l' altro ieri ha parlato di un paese sul baratro. "Una denuncia fuori luogo per toni e contenuti - affondaMonti -. 

Non siamo affatto sull' orlodi un baratro, stiamosemmai scivolando su un pendio. E la crisi è in gran parte responsabilità dell' impresa e del sindacato". Contrattacca Renato Brunetta, capogruppo Pdl alla Camera: "Monti di baratri se ne intende". Ma il neo portavoce Della Vedova del partito difende il Professore: "Ha rimesso in carreggiata la finanza pubblica".


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta