Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Giachetti «Brunetta si rassegni, nessuno lo prende sul serio»


Foto articolo
Roma, 06-06-2013
Fonte: Ansa

«Nei giorni scorsi abbiamo dovuto sopportare una giaculatoria sfinente di Brunetta sulla tenuta dell'esecutivo: ascoltando le sue dichiarazioni sembrava che il nuovo governo rischiasse di cadere almeno cinque volte al giorno. Nessuno però lo ha preso minimamente in considerazione. Così, in queste ultime ore, il capogruppo Pdl alla Camera ha evidentemente cambiato strategia occupandosi e preoccupandosi delle questioni interne del Pd; senza dimenticare di tirare in ballo Matteo Renzi, in modo assolutamente fuori luogo. Ma non perda tempo, soprattutto non ce ne faccia perdere, tanto ottiene il medesimo risultato: nessuno lo prende sul serio. Si rassegni».

Lo afferma il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti (Pd), replicando alle dichiarazioni di Renato Brunetta, presidente dei deputati Pdl, che a sua volta dichiara:

«Davvero singolare il metodo di Fonzie-Renzi, che forse si crede già Beppe Grillo, e accetta solo i propri monologhi. Così invece di rispondere nel merito alle mie osservazioni politiche, delega un paio di coristi della sua band. Dopo Fanucci, ecco Giachetti a esibirsi come suo scudiero, esaltato dai complimenti del suo capo sul 'Corriere' di oggi per i suoi digiuni pro Mattarellum. Le contumelie dei ragazzi spazzola sono patetiche ma di certo aiutano nella futura carriera. Credo piuttosto che, di quanto va ripetendo Renzi con toni in crescendo, debbano preoccuparsi tutti quelli che vogliono un sereno procedere del governo e del suo percorso di pacificazione. Solo i ciechi e gli ipocriti possono non vedere la strategia del sindaco errante di Firenze, che si propone di commissariare il premier una volta diventato segretario del Pd, per correre poi la sua avventura. Bell'amico che ha Letta...".

 


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta