Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Questo al lupo! Al lupo! così pericoloso...


Foto articolo
Roma, 11-09-2013

Quello che mi spaventa, quello che mi preoccupa nel profondonon sono certo gli insulti e neanche le minacce. Chi percorre la strada dellapolitica, in particolare di questi tempi, sa che con questo deve fare i conti.Quello che mi colpisce è la perdita del valore e della sostanza delle paroleche leggo. La dismisura tra quello che accade e come lo si descrive.

Sembra esserci una rincorsa inarrestabile verso l'ultimo stadio, il "più", il punto di non ritorno. Ed ho il terrore che questo ci disarmi tutti qualora davvero si manifestassero pericoli seri per la democrazia, per la tenuta democratica. Se una scelta che legittimamente possiamo considerare sbagliata,accorciando tutte le gradazioni di giudizio e di analisi, la portiamo a livellodi stupro costituzionale, di colpo di stato, di attentato alla libertà, come faremo un domani che mi auguro non venga mai, a trasmettere al popolo la gravità e l'allarme per qualcosa che davvero rappresenta un rischio per lademocrazia e per la libertà?

Mi è chiaro che è più semplice e immediato fare così, ma se domani dovesse davvero accadere qualcosa di più grave come faremo adescriverlo e denunciarlo alle persone se si sono già consumati, per cose moltomeno gravi, i termini più ultimativi? Mi piacerebbe tra un insulto e l'altro che coloro che si cimentano in questo costante abbaio rabbioso trovassero un attimo per riflettere su questa umile considerazione. Poi riprendano pure a insultare e minacciare, questa bacheca è a loro disposizione. Lo dice uno chequando dissente non si tira indietro e che anche per questo spesso viene considerato un tantino "eretico" quando non estraneo nel suo partito. E la cosa che mi fa un po' sorridere è che mentre qui vengo insultato per una critica ironica su un comportamento parlamentare, in casa mia vengo trattato con un po' di diffidenza perché in più di un'occasione non mi sono uniformato a giudizi sbrigativi o approssimativi nei confronti del Movimento 5 stelle.

Un'ultima considerazione: io non ho bisogno di nascondigli. Giro da sempre senza scorta e mia madre mi ha insegnato a fare e dire tutto alla luce del sole.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta