Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Legge elettorale: Roberto Giachetti annuncia nuovo sciopero della fame e No Porcellum Day

 
Roma, 07-10-2013

Il 31 ottobre sarà in tutta Italia il 'No Porcellum day'. Lo ha annunciato Roberto Giachetti insieme alla ripresa dello sciopero della fame,che proseguirà «finche' in Senato non venga fatta la loro legge elettorale rispettando gli impegni presi votando l'urgenza, ancora non c'e' un testo base (...) Io le ho tentate tutte sul piano parlamentare, ma le mie iniziative non sono risultate utili ed efficaci; a questo punto mi metto in coda, non e' una questione personale, ma e' dire "io non mi impiccio piu' del merito", fate voi, decidete voi, rispondendo di quello che avete giurato e promesso agli italiani».

«Voglio lanciare una grande mobilitazione per dire no al Porcellum: da oggi fino al 31 ottobre ci saranno iniziative sparse in tutto il Paese, nulla di organizzato ma vogliamo che il 31 ottobre diventi il 'no Porcellum day. Chiuderò questa mobilitazione con un'iniziativa pubblica a Roma da Eataly con l'imprenditore Oscar Farinetti».

 Secondo il parlamentare PD e vicepresidente della Camera la maggioranza deve «uscire dallo stagno» perché «siamo esattamente nella stessa situazione di un anno fa, con dichiarazioni continue e roboanti, che sollecitano aspettative che di fatto vengono disattese». La maggioranza «fa melina in attesa che si pronunci la Corte costituzionale».

Il parlamentare ribadisce che pur essendo stata chiesta il 4 agosto scorso la procedura d'urgenza per il provvedimento «ad oggi non abbiamo neanche un testo base» anzi in Senato la commissione Affari costituzionali «è ancora impegnata nelle audizioni». Giachetti ricorda che con la procedura d'urgenza i tempi vengono dimezzati pertanto «il 4 ottobre avremmo già dovuto avere un testo in aula».

«A cambiare - prosegue Giachetti - questa legge elettorale il Pdl non ci pensa per niente e il Pd non si è ancora capito che cosa voglia fare». Dato che sull'alleanza Pd-Pdl si regge il governo, non è un azzardo pensare che la riforma non si farà e che, se la Consulta non riterrà incostituzionale il Porcellum, verrà meno l'esigenza di fare una normativa transitoria e che, quindi, «saremo costretti a tenerci il Porcellum e le larghe intese per i prossimi 15 anni».

«il problema - conclude Giachetti - è capire: il Pd che posizione ha? Ci sarà una sede nella quale il Pd prende una posizione rispetto a questa esigenza di modificare la legge elettorale o facciamo come gli struzzi e aspettiamo eventualmente che arriva la sentenza della Corte costituzionale?". Bisogna però ricordare che questa seconda posizione "non va bene non a me ma con quello che il Pd ha detto".


Per approfondire: cliccare qui

Ci sono 8 commenti - Commenta l'articolo commenta



RE: riforma elettorale

Cara Paola, Sarà per me un piacere incontrati da Eataly il 31 Ottobre, insieme a tutti quelli che vorranno partecipare a questa iniziativa. Le tue parole mi spronano inoltre a fare la mia parte con ancor più convinzione per restituire ai tanti nostri elettori oggi dubbiosi un partito che invece spinga a recarsi alle urne.

Inviato da Roberto Giachetti il 14-10-2013alle 07:19
RE: IOSTOCONGIACHETTI

Caro Michele, innanzitutto grazie per la solidarietà, che chiaramente mi fa molto piacere. Ritieniti libero di sostenermi nel modo a te più congeniale, aderendo alla staffetta del digiuno, indicandoci la data da te scelta (e poi, se vorrai, inviando una foto come molti stanno facendo in questi giorni), partecipando o organizzando una iniziativa per il 31 Ottobre, oppure inventando nuove forme di sostegno dando spazio alla tua creatività. Qualsiasi cosa tu farai, sarà comunque la benvenuta e contribuirà a darmi quel sostegno morale indispensabile per proseguire del mio sciopero della fame.

Inviato da Roberto Giachetti il 14-10-2013alle 07:12
Referendum per maggioritario??? Possibile!!!

On. Giacchetti, volevo complimentarmi per la sua forza di volontà al servizio della Repubblica. Secondo me però esiste un metodo più semplice per raggiungere il suo obiettivo: il REFERENDUM. I referendum cassati dalla Consulta avevano il difetto che pretendevano di tornare al Mattarellum con una semplice abrogazione del Porcellum; i referendaristi non si sono accorti del fatto che potevano affrontare il problema in un altro modo. Infatti, seppur il Porcellum sia un sistema principalmente proporzionale, al suo interno c'è anche una norma con sistema uninominale a turno unico (per l'elezione del deputato in Valle d'Aosta). La mia proposta è la seguente: abrogate con un referendum tutta la normativa riguardante il Porcellum e salvate il sistema di elezione del deputato della Valle d'Aosta, facendo in modo che venga applicato in tutta la Nazione; in tal modo avremo un sistema di elezione uguale a quello della House of Commons, impossibile da tacciare come antidemocratico. P.S: abolite anche le coalizioni, altrimenti il sistema non funziona bene come nel Regno Unito ma funzionerebbe come in India.

Inviato da gio il 09-10-2013alle 09:37
NO Porcellum

Questi sono gesti nobili che trovano spinta dal senso di responsabilità ed altruismo innati. Mi chiedo come faccia a restare impantanato nelle sabbie mobili di un partito che a voce vuole fare le cose,ma la manina la nasconde dietro il corpo. Lei sarebbe molto utile alla causa del Mov5*

Inviato da Carmelo il 07-10-2013alle 17:23
IOSTOCONGIACHETTI

Mi sono iscritto al PD per sostenere questa battaglia del vicepresidente della Camera. Disponibile a qualsiasi iniziativa, anche a sciopero della fame.

Inviato da Michele Carelli il 07-10-2013alle 15:18
Ottimo

Ci vogliono gesti così, contro l'ipocrisia di partiti incapaci di fare scelte chiare, paralizzati da opportunismi e da vergognose beghe personalistiche!

Inviato da Antonio il 07-10-2013alle 13:41
riforma elettorale

On. Giachetti ogni volta che l'ho potuta seguire in TV mi è piaciuto molto il suo modo di esprimersi: chiaro, diretto, fermo e senza aggressività gratutita. Ho da sempre votato PD ma se ci saranno, alle prossime elezioni valuterò o mi asterrò, anche perchè non mi riconosco più in questo partito di indecisi e confusionari e nel porcellum. Il governo attuale non mi piace come non mi è mai piaciuta la democrazia cristiana ed ora sembriamo essere tornati ai vecchi tempi la DC guidata da Letta (zio). Il 31 ottobre sarò da Eataly per protestare contro il porcellum.

Inviato da Paola il 07-10-2013alle 10:30
riforma elettorale

Siamo tutti con te...

Inviato da paolo il 07-10-2013alle 10:10