Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Legge elettorale: Giachetti «Il 31 Ottobre No Porcellum Day»


Foto articolo
Roma, 29-10-2013
Fonte: AgenParl

Una giornata per chiedere "tutti insieme" l'abolizione del Porcellum: è il 'No Porcellum Day' in programma giovedì 31 ottobre da Eataly a Roma. Un evento che nello stesso giorno sarà replicato in tante città italiane, da Torino a Palermo. L'iniziativa è stata presentata oggi dal vicepresidente della Camera Roberto Giachetti (Pd), giunto al 23esimo giorno di sciopero della fame. Il 'No Porcellum Day' a Roma si terrà dalle 13 alle 15.

«Il presidente del Consiglio - ha spiegato Giachetti -, i ministri e numerosi esponenti politici avevano garantito a più riprese che entro fine ottobre avremmo avuto una riforma del Porcellum, almeno al Senato. Ma così non è».

«Esprimo solidarietà a Napolitano - ha proseguito -, che non ha più voce per quanto, anche nella scorsa Legislatura, ha chiesto che venisse modificata la legge elettorale». «Le manifestazioni del 31 ottobre - ha aggiunto - saranno un'occasione per rispondere alla situazione di immobilismo del Parlamento su questo tema e dunque da quel giorno rilanciare, con maggiore vigore, la nostra iniziativa. Compreso il mio sciopero della fame che continuerà».

Da Eataly saranno proiettati dei video sul Porcellum, ci sarà un microfono aperto a tutti quelli che vorranno esprimere la loro opinione sull'attuale legge elettorale e sarà anche distribuita porchetta gratuita per tutti: il motto sarà ‘Mangiamoci il Porcellum'. Altri eventi poi sono in programma in quasi tutte le regioni, alcune davvero singolari: a Palermo ad esempio ci sarà una "arrustuta di sasizza", cioè una grigliata di salsiccia di maiale, organizzata da Davide Faraone assieme ad alcuni sindaci e comitati Renzi.

Al ‘No porcellum day' hanno aderito, fino a oggi, oltre 500 persone che hanno deciso di digiunare a staffetta (il patron di Eataly digiunerà proprio il 31 ottobre assieme ad altre centinaia di cittadini) o di dare semplicemente la loro adesione. Sono gi à quasi 200 le foto postate su Facebook da chi ha deciso di digiunare negli ultimi giorni: tra loro anche l'attore Alessandro Gassman. Circa 140 gli amministratori che hanno aderito, e tra questi oltre 70 sono sindaci. E proprio alcuni di loro (Giuseppe Catizone, sindaco di Nichelino TO; Federico Vantini, sindaco San Giovanni Lupatoto VR, Luca Turcheria, sindaco di Lisciano Niccone PG, Luca Mascolo, sindaco di Agerola NA, Fabio Venezia, sindaco di Troina EN) hanno lanciato l'idea di un appello rivolto ai loro colleghi: tra i primi cittadini che hanno risposto con la loro adesione ci sono, tra gli altri, Virginio Merola sindaco di Bologna, Flavio Tosi sindaco di Verona, Alessandro Cattaneo sindaco di Pavia, Michele Emiliano sindaco di Bari. Hanno inoltre aderito il presidente dell'Upi Antonio Saitta e il presidente della provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci. Sono 36 invece i parlamentari che hanno aderito digiunando a staffetta contro il Porcellum. Infine hanno aderito anche alcune associazioni come Primo Consumo, Radicali, Associazione Radicale A. Aglietta, Ecodem (Ecologisti Democratici).


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta