Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Tanti con Giachetti al No porcellum day «Ora intervengano Grasso e Boldrini»


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 01-11-2013
Fonte: Il Messaggero

Pietro Grasso e Laura Boldrini trovino un salvagente per la riforma elettorale trasferendola alla Camera se il Senato non riesce a sciogliere questo nodo gordiano. È questo l' appello di Roberto Giachetti, parlamentare del Pd con un cuore radicale, come testimonia l' astinenza dal cibo da 25 giorni proprio contro il Porcellum.

La campagna in tutta Italia contro la legge che porta l'imprimatur di Roberto Calderoli è partita simbolicamente con una kermesse nella stazione Ostiense Eataly: una ironica mangiata di porchetta a volontà, per significare che questa è la fine che dovrebbe fare la legge elettorale in vigore. «Si tratta di un' iniziativa goliardica - ha spiegato Giachetti - per spingere una battaglia politica contro una legge elettorale che toglie ai cittadini il diritto di scegliere. Per abolire il Porcellum serve una maggioranza trasversale».

Ermete Realacci, Aruro Parisi e Sandra Zampa (Pd) hanno dato la loro adesione sottolineando che a palazzo Madama la riforma elettorale è ferma. Anche Realaccii farà lo sciopero della fame: ma solo simbolicamente per un giorno. Giorgia Meloni ha avuto parole dure nei confronti «dei tanti partiti che predicano contro il Porcellum, ma in realtà non vogliono rinunciare al ?diritto? di nominare gli eletti in Parlamento».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta