Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

ANDIAMO AVANTI? RILANCIAMO!


Foto articolo
Roma, 25-11-2013

Cari amici oggi sono giunto al 50° giorno di sciopero della fame. Sono reduce da tre giorni di incontri a Vicenza, Monselice, Padova, Imola, Lugo di Romagna, Forlì, Prato e Pisa davvero bellissimi e a tratti commoventi. Ho ricevuto un'energia enorme. A questo vanno aggiunte le parole chiare e decise di Matteo Renzi ieri alla Convenzione. Poi ci sono gli staffettisti del digiuno che tengono viva ogni giorno insieme a me la bandiera del #noporcellum.

Le analisi fatte il 45° giorno denunciano un inevitabile peggioramento della situazione, in particolare il fegato comincia un po' a soffrire ma, tutto sommato, la situazione è ancora sotto controllo. Il medico che oggi ha visto le analisi mi ha detto: «io le devo dire di smettere». Ed io gli ho detto grazie immaginavo ma vado avanti. Appunto avanti dobbiamo andare. Penso che qualche primo possibile risultato non sia lontano, è dunque fondamentale non mollare ora.

Mercoledì prossimo la Commissione Affari Costituzionali del Senato ha in calendario il voto sull'ordine del giorno di Calderoli per il ritorno al Mattarellum. Temo che l'intenzione prevalente sia quella di rinviare ancora aspettando, come denuncio da tempo, che sia la Corte a pronunciarsi prima del Parlamento. Io insisto perché invece si vada al voto. Se dovesse passare l'ordine del giorno significa che almeno in Commissione la maggioranza per una legge che ci riporti al Mattarellum c'è. Se dovesse venire bocciato sarebbe evidente che al senato non ci sono i numeri per nessuna legge e non ci sarebbe più una sola ragione per tenere lì il dibattito.

Penso allora che la nostra mobilitazione debba crescere. Perché non concentrare su domenica 1 dicembre un giorno di digiuno di massa a 48 ore dalla decisione della Corte Costituzionale? Magari immaginando un'iniziativa a Roma nella quale poterci incontrare e organizzare il rilancio della nostra iniziativa? Pensiamoci e a breve decidiamo.

Un abbraccio a tutti


Ci sono 8 commenti - Commenta l'articolo commenta



ci siamo e grazie

tutti con te il 1° aggiornerò la mappa degli staffettisti #mappadeldigiuno. grazie Roberto!

Inviato da paolovalente il 26-11-2013alle 05:23
OK DIGIUNO DOM 1 in PROPRIA COMUNITA'

Domenica 1 Dic. sarà l'UNICA DOMENICA di CAMPAGNA ELETTORALE delle PRIMARIE x SEGRETARIO PD, quindi: OK A DIGUNO DI M,SSA ma OGNUNO nella propria COMUNITA' del Proprio COLLEGIO . Eventuale riunione preparatoria in tarda serata prima ? Ma anche le saerate sono "piene2, quindi: DECIISONI OPERATIVI x ONLINE E/O x TELEFONO ..

Inviato da Pino Cardente il 25-11-2013alle 09:01
Siamo con te Roberto "A Roma, A Roma"!

Il Mio non è un canto anticlericale garibaldino,è una assicurazione dell'impegno per il 1° dicembre. Facciamoci sentire.

Inviato da Mauro Bosco il 25-11-2013alle 06:23
sì all'iniziativa lanciata da Roberto

che dire, io da mamma la penso come Rosanna ma comunque sì al digiuno di massa e sempre grazie a Roberto che come ha detto un'amica è davvero degno del titolo di onorevole!

Inviato da clara reina il 25-11-2013alle 06:22
Noi ci siamo

Sono pienamente convinto che sia necessario andare avanti, ora più che mai. Non nascondo la mia apprensione per lo stato di salute di Roberto Giachetti, ma so, anche, quanto sia lucido e cosciente in questa battaglia di democrazia. Concordo con l'idea del digiuno di massa e dell'iniziativa a Roma, anche alla luce del sostegno sempre più marcato di Matteo Renzi, una voce non certo trascurabile. E sarebbe utile, in questo senso, che ogni comitato, ogni associazione (vedasi l'esempio romano di oggi 25/11/13) si esprima manifestando concretamente la propria contrarietà sia nei confronti del Porcellum che dell'atteggiamento fin qui assunto dalla politica e dallo stesso PD. Come dice l'On. Giachetti, forse si apre qualche spiraglio di speranza, che va percorso sino in fondo facendo gruppo in ogni dove. Ritengo importante, in questo senso, che ognuno di noi contatti anche i parlamentari del proprio territorio per esortarli ad una maggiore incisività contro il Porcellum e per una soluzione davvero utile alle esigenze del Paese. Le sole dichiarazioni non bastano, serve qualcosa di più.

Inviato da Emiliano Liberati il 25-11-2013alle 06:18
Si al digiuno di massa.

Caro Bob non molliamo. Neanche io voglio darti consigli sulla,fine del tuo sciopero, posso solo dirti che io è l''Associazione Adesso ! Catanzaro parteciperemo al digiuno di massa. Grazie!

Inviato da Ronario Bressi il 25-11-2013alle 06:06
Sì al digiuno di massa e all'incontro

Sono reduce dall'incontro di Pisa, una lezione di democrazia. Al contrario di Rosanna, un'amica, penso che tu debba continuare primo perché lo hai deciso tu e penso sia inutile consigliarti il contrario... e visto che mancano pochi giorni. Bella l'idea del digiuno di massa e anche quella dell'incontro. Io mi prenoto...

Inviato da Piero Pierotti il 25-11-2013alle 06:01
Sì al digiuno di massa

Quella del digiuno di massa è un'ottima idea, anzi si deve fare, ma tu, Roberto, smetti, segui il consiglio medico, continueremo noi per te. Il tuo corpo ha bisogno di riprendersi. La mobilitazione cresce sempre di più, grazie a te, al tuo sacrificio. Ma ti vogliamo in forma perché abbiamo bisogno di tutte le tue energie. Grazie, Roberto!

Inviato da Rosanna Giovinazzo il 25-11-2013alle 05:34