Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

MENO MALE CHE C'E' NAPOLITANO


Foto articolo
Roma, 04-03-2013

Giorgio Napolitano ha garantito in questi sette anni con la sua saggezza ed il suo coraggio la tenuta del nostro sistema che in più di un’occasione ha vacillato. E’ stato il punto di riferimento e di equilibrio per ogni istituzione e per la stragrande maggioranza dei cittadini italiani. E’ stato anche l’interlocutore più affidabile e credibile nei rapporti internazionali del nostro Paese. Nel mio piccolo posso dire che è stato anche l’unico che ha capito da subito quale danno avrebbe procurato, non solo in funzione della governabilità del Paese ma anche - cosa se possibile più grave - per la credibilità della politica, non riformare la legge elettorale.

Affidare oggi nelle sue mani la gestione di uno dei percorsi più delicati della vita politica ed istituzionale non è solo l’unica possibilità per trovare una possibile via d’uscita, ma anche un doveroso rispetto delle prerogative costituzionali alle quali sarebbe bene che tutti si attenessero.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta