Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Legge elettorale: Giachetti, ok Senato entro Natale o a Camera


Foto articolo
Roma, 01-12-2013

«Dopo oltre tre mesi dal voto sull'urgenza, come avevamo facilmente previsto, il Senato è bloccato su dei semplici ordini del giorno, noi chiediamo che domani sia posta fine a questa insopportabile melina» sulla legge elettorale: «deve essere il giorno in cui si decide se procedere con il ritorno al Mattarellum corretto da approvare al Senato prima di Natale o se la legge elettorale passa alla Camera dove vi sono i numeri per cambiarla». Lo ha detto Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera del Pd, al suo 56 giorno di sciopero della fame, nel corso della manifestazione 'Noi che non ci rassegniamo al Porcellum' che si e' svolta a Roma e alla quale hanno partecipato anche il prof. Arturo Parisi e i deputati Lorenza Bonaccorsi e Paolo Gentiloni con 250 persone che hanno aderito a una giornata di digiuno collettivo per la riforma.

«Abbiamo buttato al vento sei mesi sia sul fronte delle riforme costituzionali con il naufragio del ddl di riforma del 138 che sulla legge elettorale dopo la bocciatura alla Camera della mozione per il ritorno al Mattarellum. Questa straordinaria adesione al digiuno collettivo - conclude - testimonia la determinazione con la quale il movimento antiporcellum intende portare avanti l'iniziativa per la riforma della legge elettorale per consentire agli elettori italiani di tornare ad essere arbitri con il voto e alla politica di recuperare quella credibilita' che via, via sta perdendo nel Paese»


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta