Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Roberto Giachetti, il piddino "ribelle" «Al Senato non volevano fare niente»


Scarica l'estratto dalla pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 04-12-2013
Fonte: Il Fatto Quotidiano

Inumeri per approvare la legge elettorale alla Camera ci sono, per farcela basta un mese. Ma finché non spostano tutto a Montecitorio continuo il digiuno". Il deputato Roberto Giachetti oggi tocca il 59° giorno di sciopero della fame contro lo stallo sulla legge.

Giachetti, la discussione potrebbe traslocare alla Camera: quello che chiedevate voi renziani.
Finalmente tutti ammettono che in Senato non ci sono i numeri per una nuova legge elettorale. E che non c' è mai stata la volontà di farla.

Perché?
L' ex maggioranza voleva far slittare un nuovo testo dopo l' eventuale riforma della Costituzione, quella rincorsa forzando sull' articolo 138. E infatti l' estate scorsa hanno scippato la discussione alla Camera. Ma la sentenza della Consulta era fissata da tempo. Per l' ex Pdl, e ora per Fi, era ed è meglio attendere la Corte. Se i giudici abolissero il premio di maggioranza, avremmo una legge col proporzionale puro: la soluzione perfetta, per i berlusconiani.

E il Pd?
Quando in primavera presentai la mozione per il ritorno al Mattarellum, il nostro gruppo alla Camera si riunì. E Franceschini fu chiaro: "Se passa la mozione il governo cade".

Ora che succede?
Si dovranno vedere i presidenti delle Camere, e prendere atto dello stallo in Senato. Nel giro di qualche giorno dovrebbe esserci lo spostamento a Montecitorio.

Ma quale legge potrebbe essere varata?
Possono passare due testi diversi. Il primo è il ddl che prevede un Mattarellum corretto, ossia il maggioritario senza quota proporzionale, ma con premio di maggioranza e un diritto di tribuna per le liste più piccole. L' appoggerrebbero Pd, Sel e parte di Scelta Civica. Altrimenti, c' è la proposta D' Alimonte: proporzionale con doppio turno di coalizione e premio di maggioranza. La voterebbero anche Sel e Fratelli d' Italia.

Renzi quale preferisce?
Per lui l' importante è abolire il Porcellum. Ma forse preferisce il Mattarellum corretto, come me.


C'è un commento - Commenta l'articolo commenta



ciao

Ciao Roberto Bisogna ripristinare il collegio uninominale Intanto puoi interrompere lo sciopero della fame ed andare ad Ariccia a mangiare un panino con la porchetta tanto paga Calderoli ciao robyn

Inviato da Robyn il 07-12-2013alle 06:25