Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

L'Amaca di Serra: Consulta, Partiti e mozione Giachetti


Foto articolo
Roma, 06-12-2013
Fonte: La Repubblica

Sbalordisce scoprire, tra gli esponenti politici, chi esulta per il tremendo ceffone inferto dalla Consulta alla politica italiana piuttosto che chinare il capo per l' umiliazione. Specie nel centrodestra, che di quella truffa indecente ai danni dei cittadini elettori è stato il primo attore, gioverebbe un luttuoso silenzio. Per non dire di chi, nel centrosinistra, si è in sostanza avocato il compito di fare una nuova legge elettorale appendendo fuori dal proprio ufficio il cartello "ragazzi, lasciateci lavorare". E non ha cavato un ragno dal buco, rendendo più che lecito anche il sospetto, davvero infamante, di fare solamente finta, nella realtà sperando che rimanesse in vigore una legge elettorale che concede agli stati maggiori dei partiti uno smisurato potere di nomina, derubando l' elettorato dei suoi diritti. Dove sono, adesso, gli intelligentoni che nel Pd considerarono una insulsa ragazzata la proposta del deputato Giachetti (Pd) di cancellare con un voto parlamentare il porcellum, costringendo così le Camere a varare una nuova legge? La Consulta ha fatto la stessa identica cosa! Nel frattempo quanti mesi e anni, e quanta democrazia sono finiti in fumo?


C'è un commento - Commenta l'articolo commenta



Condivisione articolo

D'accordissimo!!!!

Inviato da carlo mirra il 06-12-2013alle 16:13