Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

GIACHETTI NEI 148? SI PER SCELTA DI PARTITO.


Roma, 07-12-2013

Molti mi chiedono se è vero che tra i 148 del premio di maggioranza ci sia anche io. Si ci sono anche io. Premesso che tutti siamo stati eletti col “porcellum”, con le liste bloccate (quindi incostituzionali, tutti), io ed altri 148 colleghi siamo tra coloro che sono eletti grazie al premio di maggioranza (incostituzionale per i 148).

Premesso che questa storia dei 148 non esiste perché se vale l’incostituzionalità dei 148 relativamente al premio di maggioranza vale per tutti e 630 per le liste bloccate. Premesso ancora che la Corte ha chiaramente detto che la decisione vale per il futuro e non per quel che è stato. Premesso ulteriormente che non vi è alcuna delegittimazione formale.

Certamente vi è una delegittimazione della politica da anni incapace di “fare” il suo mestiere. Detto questo solo incidentalmente voglio dirvi che io per scelta mi sono sottoposto alle primarie dei parlamentari e che con oltre 4200 preferenze sono arrivato ottavo nella mia circoscrizione.

Poi per scelta dei vertitici del partito a guida Bersani mi hanno collocato in lista al 15° posto. Se mi avessero collocato in ordine di arrivo sarei stato ampiamente nell’elenco dei parlamentari che sarebbero entrati a prescindere dal premio di maggioranza. Così solo per chiarezza e precisione.


C'è un commento - Commenta l'articolo commenta



parlamento delegittimato subito al voto con legge elettorale indicata dalla consulta

Premesso che i 148 non sono stati ancora convalidati dalla giunta. premesso che la sentenza della consulta è retroattiva. premesso che in ogni caso servirebbe la faccia di rame starsene in parlamento quando tutto il paese è incazzato e pronto a farvi a pezzi. Premesso tutto questo. nessuna legge dovrebbe essere discussa e votata da un parlamento POLITICAMENTE DELEGITTIMATO. Non so se è chiaro.

Inviato da amerigo rutigliano il 07-12-2013alle 05:38