Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

I 148 deputati del Porcellum


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 07-12-2013
Fonte: Il Fatto Quotidiano

Senza il defunto Porcellum e il mostruoso premio di maggioranza, marchiato "incostituzionale" dai giudici, in 148 deputati (126 del Pd, 13 di Sel, 7 del Cd, 2 Svp) non sarebbero entrati a Montecitorio: con uno scarto decimale sul centrodestra, il Partito Democratico ottenne il 55% dei seggi su 630. Il Quirinale e la Consulta, proprio ieri con il presidente Silvestri, ribadiscono all' unisono: il Parlamento è legittimo.

Il Movimento Cinque Stelle e Forza Italia, che desiderano votare subito, chiedono le dimissioni dei 148. La Giunta per le Elezioni di Montecitorio non ha ancora convalidato i 148 eletti contestati e gran parte dei 630. Pura forma. Come precisa il presidente Giuseppe D' Ambrosio, il Parlamento resta com' è, anche se i 148 "sono precari al pari dei cittadini".

Nel gruppo c' è pure Roberto Giachetti, che da sempre , e da mesi con uno sciopero della fame, contesta la porcata. E poi ci sono l' economista di Renzi, Gutgeld e il fondatore di Centro Democratico, Bruno Tabacci. Proprio il Cd permise al Pd di conquistare il premio. (segue...)


Per approfondire: cliccare qui

Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta