Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Una vergogna, anzi uno schifo


Foto articolo
Roma, 23-09-2008

Nei giorni scorsi, in un lungo articolo del “Sole 24ore” che riferiva della drammatica situazione dopo la strage degli africani a Castel Volturno ad opera del clan dei Casalesi, quando alla fine si accenna al rilancio e alla ripresa del litorale domizio si informa che a presiedere la società che per un consorzio privato si dovrà occupare della riqualificazione dell’area è stato nominato un magistrato. Tutti direte bhè, buona idea. Si aggiunge, inoltre, che tale magistrato si sarebbe distinto per una vita dedicata alla lotta alla camorra. Ottimo, direte voi. E’ una vergogna, anzi uno schifo, dico io. Questo signore è uno dei principali responsabili dell’arresto e della tortura giudiziaria inflitta a Enzo Tortora. In un paese con una dignitosa coscienza dello stato di diritto, in cui vi fosse una seria e severa legge sulla responsabilità civile dei magistrati, questo signore sarebbe stato da anni collocato a riposo. Gli è stata invece garantita una straordinaria progressione di carriera ed ora un ruolo di prestigio come illustre combattente dello stato contro la criminalità organizzata. Senza parole.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta