Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Cambio di stagione!


Roma, 17-05-2013

Dopo il passaggio dei “lumaconi” è tempo di “funghi”, che spuntano sempre dopo la pioggia, anche quelli velenosi. Quanto leggo sul Corriere della Sera a proposito delle “cene organizzative” di Amedeo Piva non mi sorprende. Con una straordinaria coincidenza, dopo qualche ora che avevamo perso le elezioni, sui cellulari di tanti di noi è iniziata una martellante pubblicità di un incontro organizzato da Piva e dai suoi amici al quale “casualmente” avrebbe partecipato Alemanno. Sempre casualmente Piva (perennemente in prima fila quando si riuniscono gli organi di partito) il giorno in cui la direzione romana si è riunita si è volatilizzato. Ora apprendiamo che il suo impegno è tutto volto a perfezionare la transumanza alla corte di Alemanno e, come sempre ha fatto nella sua storia politica, dando priorità agli aspetti più “nobili” della politica. L’unica inesattezza (per la quale se esistesse una categoria “rutelliana”, il responsabile dovrebbe proporre querela al Corriere della Sera) è che Piva sarebbe un rutelliano. Chi lo conosce sa bene che Piva è un uomo “flessibile”: rutelliano, mariniano, veltroniano etc. etc., a seconda della stagione. Oggi si prepara a divenire alemanniano. Auguri! Ad Alemanno, ovviamente.

Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta