Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Radicali nelle liste del Pd


Roma, 21-02-2008

Conoscete la mia opinione, ovviamente positiva, sul raggiungimento dell’accordo tra il Pd e i Radicali di poche ore fa. Mi interessa però molto di più sapere che cosa ne pensate voi. Come lo giudicate?

     42 Commenti per 'Radicali nelle liste del Pd'

  1.  

    Scritto da: Antonino Castorina

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 2:00 pm
     

    Ritengo essenziale, la tenacia e la determinazione dei Radicali in tante battaglie che hanno portato avanti,e che all’interno del Pd potranno avere ancora miglior risalto,certo anche se un po’ in ritardo il Partito Democratico si sta formando al meglio,bisognerebbe ovviamente constatare che gli stessi radicali,una volta eletti continuino a mostrare la loro lealtà e coerenza al progetto che il Pd rappresenta,alcune volte bisogna essere “RADICALI” su alcune scelte,come quella di dare più spazio ai giovani,svecchiando il parlamento,come quella di  tagliare le spese folli,di imperdire ad alcuni nostri politici di ristagnare in parlamento per 44 anni,di permettere quel trasformismo che ha causato la caduta del governo Prodi e sopratutto di risolvere il conflitto di interessi.
    Antonino Castorina
    www.iusrheginum.net
    www.icaregiovani.it

  2.  

    Scritto da: andrea b

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 2:04 pm
     

    Sono molto felice. E’ una bella notizia.

  3.  

    Scritto da: Francesco

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 2:04 pm
     


    Auspico che l’accordo con i Radicali diventi un accordo non solo fondato sul programma elettorale del Pd per le imminenti elezioni ma possa essere l’inizio per una unione di sostanza anche per il dopo elezioni (e il pensiero corre soprattutto al naufragio della Rosa nel pugno). La carica di passione dei Radicali può portare ad un confronto aperto e leale su temi a loro cari. La ricchezza poi  di valori di cui sono portatori farà in modo, di questo ne sono certo, che tutti siano pronti all’ascolto per avviare davvero una nuova stagione. Abbiamo imparato che arroccarsi su convinzioni proprie non può portare all’inizio della nostra nuova stagione.

  4.  

    Scritto da: beffatotale

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 2:11 pm
     

    Spero che la compagine radicale si portera’ in dote, insieme alla loro storia che fa parte integrante
    delle forze democratiche in Italia, la tranquillita’ di tutti coloro
    che vedevano nel PD un partito in mano a una minoranza di baciapile
    vaticani. Che serva a bilanciare gli eccessi in entrambe le direzioni, e a
    forzare un fecondo dialogo invece di nascondere i problemi e le
    differenze sotto al tappeto. Sempre che le intenzioni di Bonino e
    compagnia sono aperte e piu’ serie del tentativo maldestro di Pannella di presentarsi alle primarie qualche mese fa.

  5.  

    Scritto da: ermagister

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 2:40 pm
     

    …contento, anche se sarà un casino

  6.  

    Scritto da: mauro

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 6:10 pm
     

    abbiamo lanciato un’iniziativa per Adinolfi in Parlamento

  7.  

    Scritto da: mauro

    Giovedi 21 Febbraio 2008 alle 6:10 pm
     

    e direi anche benvenuta Bonino…

  8.  

    Scritto da: franny

    Venerdi 22 Febbraio 2008 alle 1:46 pm
     

    evviva…sono convinta che il Partito Democratico guadagnerà molto da questa intesa sia in termini di contenuti (laicità!!!!!!!!!!!!) che in termini di elettorato. Bravo Walter, ti stai muovendo bene.

  9.  

    Scritto da: Francesco

    Venerdi 22 Febbraio 2008 alle 3:39 pm
     

    …va bene te e Rutelli, ma ora siete davvero in troppi!!

  10.  

    Scritto da: Francesco

    Venerdi 22 Febbraio 2008 alle 3:41 pm
     

    … dimenticavo io sono un baciapile vaticano, fiero di esserlo!

  11.  

    Scritto da: beffatotale

    Venerdi 22 Febbraio 2008 alle 4:54 pm
     

    E dai Francesco, va bene esser cattolici (pure io), ma che abbiano sempre ragione nei dintorni di San Pietro no. C’e’ differenza tra avere certe idee e smettere di pensare.

  12.  

    Scritto da: enzo

    Sabato 23 Febbraio 2008 alle 6:47 pm
     

    secondo me i radicali sono stati molo ma molto furbi…il PD è davvero un buon gregario per tirargli l’unica volata possibile…nonostante ciò mi auguro che sottoscrivano e stiano al programma del PD e portino tanti ma tanti voti!!!

  13.  

    Scritto da: pulsatilla

    Domenica 24 Febbraio 2008 alle 9:34 pm
     

    a me la notizia non è piaciuta molto… non sono baciapile, ma cattolica sì. e qualche cattolico in più, dopo questa alleanza, non mi dispiacerebbe.

  14.  

    Scritto da: franca

    Domenica 24 Febbraio 2008 alle 9:43 pm
     

    .non sarà facile per niente questa convivenza..

  15.  

    Scritto da: donnameis

    Martedi 26 Febbraio 2008 alle 10:55 am
     

    … bene l’intesa con i radicali. Portare in parlamento la Rita Bernardini (finalmente maturerà la pensione dopo 35 anni di lavoro ingrato al partito), la vedova Coscioni, Mirella Parachini, Donatella Poretti, Maurizio Turco, Marco Cappato, Marco Beltrandi, Massimo Bordin e soprattutto Emma Bonino, porterà una ventata di sano impegno nel PD. Anche Giachetti avrà nuovi stimoli.

  16.  

    Scritto da: man0lo

    Venerdi 29 Febbraio 2008 alle 10:19 am
     

    oddio pannella ha la faccia di gomma

  17.  

    Scritto da: Gianluca

    Venerdi 29 Febbraio 2008 alle 1:19 pm
     

    … Contento, molto contento. Non potranno che farci crescere sul piano dei diritti umani e civili. Ottimo lavoro.

  18.  

    Scritto da: Luigi Viscido

    Giovedi 6 Marzo 2008 alle 11:01 am
     

    Ormai a un partito di sinistra ho smesso di chiedere la rivoluzione. Ho smesso di chiedere anche l’uguaglianza. Forse addirittura la giustizia sociale. Ma tengo che almeno conservi un’impostazione laica.Ebbene, temevo (e temo ancora, bisogna essere sempre vigili) che dalla fusione di un partito cattolico del 10% con un partito laico del 20% non fosse nato un nuovo partito laico con un componente cattolica, ma il contrario. L’accordo coi Radicali un pò ha fugato il timore. Dico un pò. 

 


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta