Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Si o No ?


Roma, 04-08-2007

Cari amici è questa la domanda che vorrei lasciare sul mio blog per il mese di agosto. Voi che mi frequentate conoscete l’iniziativa del pulmino del Partito Democratico. Se ne volete sapere di più potete ciccare sul link “sali a bordo”. E’ stata un’esperienza straordinaria, davvero esaltante. Tra le tante cose positive mi ha consentito di conoscere tantissimi ragazzi motivati e fiduciosi nel nuovo soggetto che andremo a fondare ad ottobre. Da più parti in questi 2 mesi, ed in particolare in questi ultimi giorni sono stato sollecitato a proseguire questa iniziativa fino a realizzare una lista under 40 per le prossime primarie. Potrebbe essere davvero un’occasione per mobilitare e mettere in rete tanti giovani che difficilmente troverebbero spazio nelle liste ufficiali che si annunciano. E perché no potrebbe anche essere una vera sorpresa. Allora la domanda è d’obbligo: cosa ne pensate? Può essere una scelta azzeccata? Siete disponibili eventualmente prendessimo questa strada a darci una mano? Mi interessa molto la vostra opinione e la vostra eventuale disponibilità. Vi prego di lasciare qui la vostra opinione e…… ancora buone vacanze!

Commenti per 'Si o No ?'

  1.  

    Scritto da: scrooge

    Lunedi 6 Agosto 2007 alle 9:28 am
     

    caro roberto,

    sì è vero sarebbe un peccato lasciar sfumare la cerchia di contatti e expertise che si è generata attorno alla tua iniziativa del pullmino. E in merito alla domanda (SI o NO) ad un’eventuale lista under 40,penso che prima sarebbe necessario fare le seguenti cose:

    1) un elenco di titoli sui quali la lista dovrebbe confrontarsi.
    2) sviluppare tali titoli. Si posso pensare molte maniere. Ad esempio lasciare che i ragazzi si autosselezionino verso l’argomento che più gli interessa e creare dei gruppi di lavoro. Questi gruppi di lavoro potrebbero lavorare sotto la tua supervisione, seguendo, tra le altre, la procedura wiki: ognuno, da un testo di partenza, può aggiungere altri pezzi.
    3) dato un testo sviluppato per titoli, sottoporlo chiaramente ai candidati e alle liste “giovani” che li ssotengono. Valutarne poi il grado di consenso.
    4) Se è basso o poco credibile, allora, ma solo allora, proporre noi una lista, che avrà come manifesto proprio quel testo.

    Credo molto nella politica che parla e rifletta su progetti. E penso che solo un documento potrebbe darci spazio e credibilità, oltre che “spratichirci nelle mansioni del politico”

    ...

  2.  

    Scritto da: Pasquale Capasso

    Mercoledi 8 Agosto 2007 alle 11:02 pm
     

    Egregio parlamentare,
    La trasmissione “W l’Italia” di Riccardo Iacona ha offerto un importante occasione di riflessione. La legge 40 , come evince nella trasmissione, è un fallimento e, come accade spesso in Italia, ce la teniamo. Una legge che esiste solo nel nostro piccolo paese. In nessuna parte del mondo infatti lo stato dice ai medici come operare. Persino in Turchia è permesso ciò che in Italia non lo è. Bella civiltà quella italiana! Permettendo quello che la legge vigente vieta non si agisce in contrasto con la vita, anzi la si sostiene. Si chiede semplicemente la possibilità di avere un bimbo, per chi non lo può avere, e di averlo sano, per chi è portatore sano di una malattia genetica. Un diritto costituzionale che dovrebbe essere tutelato e che la chiesa dovrebbe sostenere. Basterebbe anche che il ministro della salute modifichi semplicemente le linee guida. Una semplice parola permetterebbe a centinaia di coppie portatrici sane di malattie genetiche di poter avere un figlio sano. Non bello, alto e biondo, ma sano. E’ inutile nascondersi dietro il fallimento della legge 40, difendendola. Questa legge uccide i bambini e mette in gravi condizioni le donne costrette a sopportare un parto trigemino. Come può la chiesa e la politica difendere questa situazione ed impedire un miglioramento delle cose?
    Volete voi modificare tale situazione?
    In attesa di un cortese riscontro, porgo Cordiali Saluti

  3.  

    Scritto da: nunzia

    Domenica 12 Agosto 2007 alle 1:04 pm
     

    … Caro Roberto
    sono rientrata stamani a Roma e come spesso accade ho consultato il tuo blog ed ho letto l’articolo. Il mio parere è che stai facendo qualcosa di eccezionale condivido tutto quello che dici e volentieri  darò una mano a sostenere la lista di under 40 qualora si realizzi. Trovo interessanti le proposte del primo commento (suppongo fatto da un giovane) Vorrei dilungarmi, ma so che non è il caso spero che avremo modo di scanbiarci opinioni in futuro (magari dopo l’estate). Ti auguro di trascorrere una bella vacanza, di divertirti e riposarti al tempo stesso. A presto……..spero!

  4.  

    Scritto da: ilMaLe

    Mercoledi 29 Agosto 2007 alle 11:19 pm
     

    Il Partito Democratico avrà un senso se partirà dal basso. E se punterà alla lotta alla precarietà. Il
    tema che mi sta più a cuore è la precarietà. Io ora sto vivendo una
    stagione difficile. Il mio lavoro è forse uno dei primi insicuri
    (l’assicuratore) dove non si può evadere nulla e non si ha nessuna
    garanzia. Insomma nè i privilegi dei lavoratori autonomi, nè quelli di
    quelli dipendenti classici. Questo non deriva nè dalla leggi Biagi nè dalle riforme di Treu. Il mio è un settore che da sempre ha privilegiato il provvigionale. Però sono critico anche con tutti quei lavori che hanno un garantito indiscutibile. La cosa migliore sarebbe una via di mezzo che possa premiare i lavoratori più efficienti e penalizzare ma senza umiliare quelli che tendono a comportarsi da fannulloni.  Cordiali Saluti  Leonardo Marzorati

  5.  

    Scritto da: donnameis

    Lunedi 3 Settembre 2007 alle 11:20 am
     

    … Onorevole Giachetti,
    l’ho sentita condurre la famosa rassegna stampa di Radio Radicale delle 7,30 !! Per un Capezzone messo alla porta, un Giachetti che rientra per lavorare di nuovo con la signora Reanda e con Pannella ? Sono contenta. Però, a Stampa e Regime, parli un po’ meno di Rutelli e del PD e un po’ più di diritti civili calpestati in Italia. Bentornato a casa.

  6.  

    Scritto da: Antonietta De Luca

    Giovedi 6 Settembre 2007 alle 11:35 am
     

    … Caro Roberto,
    vinte le sfighe aeroportuali del 6 d’agosto, adesso che siamo anche bentornati, SI’, senza SE e senza MA.
    Dalla fine di settembre abiterò a Roma e tutto sarà più facile.
    Mi tengo aggiornata,
    Antonietta
    P.S.: Per il Comitato Ombra: potete scrivermi presso andediluna@libero.it? L’altra mail è fuori uso. Grazie e un saluto a tutti!

 


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta