Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Arrivederci Euro 2012..


Foto articolo
Roma, 18-04-2007

Che qualcuno attribuisca la responsabilità della mancata assegnazione all’Italia degli Europei 2012 di calcio al governo attuale è semplicemente sintomo di assoluta stupidità ed è frutto di consuete, ma quantomai inopportune, strumentalizzazioni politiche. Ricordo che su questo il consenso ed il sostegno alla candidatura dell’Italia è stato unanimemente trasversale, quindi le richieste di dimissioni al Ministro dello Sport per quanto accaduto, suonano piuttosto ridicole. Non è invece ridicolo, ma anzi sarebbe doveroso, interrogarsi sulle vere ragioni per le quali il nostro paese, favorito alla vigilia rispetto ai concorrenti, abbia rimediato questa brutta figura. Non ci dicono niente gli scandali di calciopoli, le partite truccate, i grandi burattinai che pilotano gli arbitri, i fenomeni di tragica violenza a cui abbiamo assisitito in questi anni? Non dovrebbe interrogarsi la giustizia sportiva rispetto alle blande pene comminate ai responsabili dello scandalo? E non dovrebbero interrogarsi le istituzioni del nostro calcio campione del mondo che dopo la tempesta hanno o riconfermato oppure richiamato dirigenti e manager buoni per tutte le stagioni che rappresentano la vecchia faccia di tutto ciò che, a parole, si voleva combattere? C’è davvero ancora qualcuno che può stupirsi di questo apparente “smacco” in quel di Cardiff?

Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta