Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Cinecittà


Roma, 14-04-2007

Cari amici, l’incontro di oggi sul Partito Democratico è andato molto bene. La sala Fellini era piena e tutti quelli che sono venuti hanno avuto la possibilità di partecipare ad un dibattito aperto e ad un confronto che considero molto utile per il futuro. Lo ritengo il primo di una serie di appuntamenti da estendere nei territori perchè sono convinto che abbiamo bisogno di discutere, scambiarci opinioni ed ascoltarci vicendevolmente specialmente in questa fase di avvio del processo che porterà alla nascita del Pd. Mi ha colpito soprattutto il fatto che delle persone presenti davvero poche fossero esponenti o dirigenti di partito; c’erano sì militanti, tra cui coloro che hanno aderito al digiuno a staffetta, ma in particolare c’erano rappresentanti di enti ed associazioni, ciascuno portando la propria testimonianza a sostegno di un’idea di Partito democratico che significhi apertura al mondo esterno, capacità di coinvolgimento anche per chi è fuori dai partiti, ed una forte volontà di partecipazione dei cittadini. Sono anch’essi ingredienti fondamentali se vogliamo che questo nuovo partito stia al passo con le trasformazioni sociali e con l’esigenza di aprire nuove porte ad un variegato mondo spesso trascurato o comunque diffidente, perche poco rappresentato, dalla politica e dai partiti attuali. Gli interventi di oggi, di tutti coloro che hanno voluto parlare, li considero un bagaglio di testimonianze reali che la politica ha il dovere non solo di ascoltare ma anche di interpretare, operando sin da ora per dare risposte efficaci ed individuare possibili soluzioni. Insomma, la giornata di oggi rappresenta un segnale ulteriore che è il momento di costruire insieme, classi dirigenti, cittadini, elettori, militanti e simpatizzanti di un progetto riformista, le fondamenta di un Partito Democratico che sia davvero cosi inclusivo da divenire patrimonio di tutti coloro che con convinzione accetteranno questa sfida. Quindi andiamo avanti, incontriamoci, e lavoriamo insieme per creare qualcosa in cui potersi riconoscere a pieno. Ps. da alcuni commenti sul blog deduco che vi sia stata un’incomprensione o un fraintendimento; la nuova data del nostro incontro con tutti voi bloggers non è stata ancora indicata, mi sono limitato a dare un riferimento di massima per cui credo potremmo vederci sicuramente dopo i congressi nazionali di Ds e Margherita. Tengo moltissimo a questa iniziativa e non tarderò a proporvi un’altra data cosi da poterci incontrare quanto prima. Nel frattempo buon weekend a tutti!


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta