Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Buon Anno a tutti!


Foto articolo
Roma, 31-12-2013

Non amo fare bilanci, neanche troppo soffermarmi a ricordare. Toglie tempo ed energia alle tante cose che ancora dobbiamo fare, ai cambiamenti da realizzare, alla 'rivoluzione' da compiere. Se mi volto indietro vengo distratto dalle innumerevoli cose importanti che sono accadute: le parlamentarie che miracolosamente mi hanno visto ottenere più di 4200 preferenze, l'elezione a deputato, la nomina a Vicepresidente della Camera, la battaglia per il #noporcellum, lo sciopero della fame, le primarie per eleggere Matteo Renzi Segretario del PD, l'elezione all'Assemblea Nazionale prima e poi la nomina nella Direzione Nazionale. Ma appunto non voglio voltarmi indietro.

Voglio guardare avanti perchè c'è ancora tanto, tantissimo, da fare. "Il bello deve ancora venire", ma questo bello è tutto da costruire, cambiando e rivoluzionando nei modi e nella sostanza la politica. Mettersi in discussione ed agire con ancora più determinazione. Come dice Elias Canetti "Assaporare l'impotenza dopo il potere, fase per fase, con precise corrispondenze; ad ogni passato trionfo contrapporre la recente sconfitta; rafforzarsi nella propria debolezza; riguadagnare se stessi quando si è così perduti." C'è da combattere per chi crede che le cose possano davvero cambiare. E per combattere bisogna metterci la faccia e, se necessario, anche il corpo. Io continuerò a combattere e lo farò con ancora maggiore determinazione; questa è l'unica promessa che posso fare per il nuovo anno!

Dopo aver partecipato alla marcia di Natale per la giustizia e l'amnistia ora sono in partenza per Olbia dove questa notte trascorrerò il passaggio tra il 2013 ed il 2014 nella casa di reclusione di Tempio Pausania insieme a quei detenuti per i quali il fine pena è MAI e agli Agenti della Polizia Penitenziaria. Poi dalla prossima settimana riprenderanno i lavori parlamentari. In primo luogo c'è la battaglia per ottenere che il Parlamento approvi la riforma della legge elettorale. Entro la fine di Gennaio in Commissione Affari Costituzionali dovrà essere licenziato il testo della riforma affinché poi passi all'Aula e a seguire al Senato. Quando dico deve non vuol dire che sarà così. Per questo non intendo voltarmi indietro ma guardare avanti e agire affinché un precetto regolamentare diventi realtà. Sarò vigile e se necessario sono pronto a riprendere l'iniziativa nonviolenta.

E allora consentitemi per salutarvi di ringraziare tutti coloro, e sono incredibilmente tanti, che nelle settimane passate mi sono stati accanto e mi hanno sostenuto in tutti i modi, tutti coloro che con ogni mezzo hanno fatto della battaglia per il #noporcellum la loro battaglia, la nostra battaglia. E' stata per me un'esperienza, innanzitutto sul piano umano, straordinaria, direi quasi magica. E' partita come un granello di polvere che con il passare dei giorni si irrobustiva fino a divenire una vera valanga. E' il regalo più bello che ho ricevuto in più di 30 anni di attività politica. Qualcosa che è andato al di là di qualsiasi possibile previsione, di qualunque merito, di qualsivoglia aspettativa. E' un regalo grande che conservo nel mio animo e che mi ha sostenuto nei momenti più drammatici. Un regalo che non potrò mai ricambiare con la stessa forza ed intensità. Un regalo che appartiene ad una dimensione della politica che troppo presto si pensava essere smarrita, battuta: la bella e nobile politica. Quello che siamo stati capaci di costruire in queste settimane appartiene a questa dimensione della politica e soprattutto appartiene a tutti noi che, ne sono certo, saremo di nuovo tutti insieme, e magari ancor di più, nelle prossime battaglie necessarie a far si che in Italia sia davvero possibile "cambiare verso" a ciò che non va.

Auguri di cuore di Buon Anno a tutti i passanti di questo blog


Ci sono 2 commenti - Commenta l'articolo commenta



buon 2014

Il meglio deve ancora venire...e mettendoci tutti noi la faccia, faremo si che il 2014 sia l'anno in cui la nostra amata Italia cambierà verso #sulserio. Auguri a Roberto Giachetti auguri a tutti i ribelli :) Raffaele

Inviato da Raffaele Pizzati il 31-12-2013alle 10:19
Grazie.

Roberto so che conosci mio figlio, Matteo Angioli e questa vostra conoscenza, oltre alla tua provenienza politica, fa si che io ti consideri molto più un radicale che non appartenente ad un PD sempre meno vicino alla gente. Del resto la tua azione lo dice! Grazie e tanti auguri per un buon lavoro nel 2014, che siano di buon auspicio la volontà e la testardaggine che metti! Dai a tutti un bello scossone come solo i radicali sanno fare, ti abbraccio! Manila

Inviato da Manila il 31-12-2013alle 05:33