Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Diritti d’autore


Roma, 16-10-2006

Ermanno in un suo commento mi sottopone la questione del copyleft, in relazione ad una norma contenuta nel decreto collegato alla finanziaria che prevede l’obbligo di corrispondere un compenso agli editori ogni qualvolta si realizza la riproduzione totale o parziale di articoli tratti da giornali e riviste. Premesso che in base ad un regolamento interno al gruppo dell’Ulivo i singoli deputati non possono presentare autonomamente emendamenti, tuttavia ho già parlato con il mio collega Walter Tocci, membro della commissione Cultura, per vedere di concordare con il gruppo un emendamento da presentare in commissione Bilancio sul tema in oggetto.

Anch’io, come Ermanno, considero ridicola, oltre che poco produttiva per gli editori stessi, una norma di questo tipo, priva di senso ma soprattutto in totale controtendenza col sistema attuale dell’informazione, che viaggia ormai attraverso lo scambio e la condivisione di notizie in rete. Inoltre se la ratio di questo provvedimento mira a portare introiti nelle casse degli editori attraverso il diritto d’autore, non credo che in ciò potrà ottenere gli effetti sperati, perche bisognerà creare una società di gestione (collecting) la cui realizzazione costerà molto di più rispetto a quanto si prevede di incassare dai proventi derivanti dal copyright. Insomma in buona sostanza da qualunque parte la si voglia vedere non riesco personalmente ad individuare in questa norma né valide ragioni per proporla né soprattutto reali benefici da trarne.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta