Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

taxi: quali risposte?


Roma, 26-09-2006

Con molta probabilità oggi la giunta del Comune di Roma approverà la delibera sul controllo satellitare sui taxi. Come noto tutte le sigle sindacali della categoria rifiutano l’introduzione di questo strumento elettronico perche giudicato nella migliore delle ipotesi inutile (è vero infatti che sarà installato non prima di un anno) e nella peggiore lesivo della privacy dei tassisti. Nel frattempo ieri in una Roma bagnata dalla pioggia battente di taxi ce n’erano come sempre pochi ed introvabili, ed abbiamo assistito alle consuete attese infinite da parte dei cittadini. E allora mi chiedo:

  • la mediazione a tutti i costi voluta dal sindaco Veltroni attraverso la riformulazione dell’art. 6 del decreto Bersani che, ricordiamo, avrebbe aumentato la quantità delle vetture e migliorato l’offerta del servizio, non ha sortito l’effetto di prolungare il braccio di ferro con la categoria senza alcun beneficio per i consumatori?
  • perche i tassisti rifiutano il controllo satellitare giudicandolo una violazione della loro privacy solo se è il Comune ad effettuarlo? Le centrali taxi, che esercitano tale controllo, forse non violano ugualmente la loro privacy?
  • Siamo imprenditori, non vogliamo diffondere segreti industriali” (Di Giacobbe, segretario generale Unica Taxi CGIL su Repubblica di oggi). Ma il taxi non era un servizio pubblico? No comment.
  • Arrivati a questo punto, una volta constatato il perdurare di atteggiamenti di indisponibilità, per usare un eufemismo, da parte dei tassisti romani, il Comune non farebbe bene a sbloccare queste estenuanti trattative mettendo immediatamente in campo le 2500 licenze previste nell’accordo siglato?

Io penso che sia giunto il momento di agire. Aumentiamo subito il numero delle vetture in città. Daremmo cosi un segnale chiaro ai cittadini stanchi dei consueti disservizi e sfiduciati da questo infinito tira e molla tra l’amministrazione locale ed i tassisti. Nel frattempo, per chi è incuriosito dall’argomento, consiglio di dare un’occhiata qui; ci sono delle proposte di riforma interessanti.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta