Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Direzione PD, Roberto Giachetti: "Legge elettorale, abbiamo una occasione straordinaria"


Roma, 16-01-2014
Fonte: YouDem


"Al 27 Gennaio mancano solo 11 giorni. Abbiamo una data, era impensabile, e invece abbiamo oggi una occasione straordinaria che non possiamo perdere. Un appuntamento dove possiamo dimostrare è un cambiare verso che si sta realizzando". Lo ha detto Roberto Giachetti alla direzione del PD.


Ci sono 2 commenti - Commenta l'articolo commenta



I 4 pilastri del Collegio Uninominale

Non bisogna rinunciare a lottare per l'Uninominale Ecco un mio contributo : I 4 pilastri del Collegio Uninominale Io sono per il Collegio Uninominale - esso possiede QUATTRO requisiti vincenti 1) Semplicità : non ci sono Liste , ed è sufficiente guardare le assurde artificiose e INCOMPRENSIBILI formule che i partiti mettono in campo sul voto di Lista (= collegi plurinominali) per rendersi conto della follia sottesa la voto di Lista Mi riferisco a sbarramenti , soglie , coalizioni , apparentamenti voto congiunto e disgiunto etc. – per non parlare del dilemma delle liste bloccate o delle preferenze , e se si accettano le preferenze devono essere una o più di una … e il rischio mafia sulle preferenze compravendute … ? Insomma basta poco per convincersi della bontà di un sistema che esclude le Liste – e di come il voto di Lista sia una skifezza … che invoglia la casta a inventare Porcelli in ossequio al solo personale tornaconto di fazione 2) Trasparenza : col collegio uninominale i cittadini sanno chi è il loro (unico) rappresentante al Parlamento 3) Territorialità : ad ogni Circolo elettorale territoriale fa capo un solo candidato che risulterà eletto (possono concorrere anche cinquanta candidati - ma uno solo risulterà eletto) 4) Democrazia diretta : i cittadini votano una faccia e un nome , che può anche essere un esponente della società civile o del volontariato – anzi che un apparatncik di partito cantonenordovest (blog)

Inviato da cantonenordovest il 20-01-2014alle 15:02
legge elettorale .....un'occasione da non perdere

Abrogare il porcellum,questo è l'importante ! Tu Roberto lo hai sempre detto con voce forte e chiara... preferiresti il doppio turno alla francese ma in questi 2 anni e nei tuoi 198 giorni di sciopero della fame " l'importante è che la gente possa andare a votare con un sistema che garantisca rappresentatività e governabilità un sistema elettorale che non può essere il porcellum... ricordiamolo a D'Attorre che problemi di memoria deve averne parecchi !

Inviato da Raffaele Pizzati il 16-01-2014alle 19:49