Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Legge elettorale, sulla riforma del voto l'ombra dei franchi tiratori


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 31-01-2014
Fonte: Il Giornale

L' Italicum è appena approdato nell' aula di Montecitorio, ancora ammaccato dai tumulti del giorno prima, e già oggi è atteso alla prova del nove. Stamattina saranno votate le pregiudiziali di costituzionalità presentate da tutti i piccoli partiti: da soli i numeri per farle passare non li hanno (sulla carta, Pd e Forza Italia hanno un margine di 45 voti sopra la maggioranza), ma nel segreto dell' urna potrebbero arrivare in soccorso i franchi tiratori. Per questo nell' assemblea di ieri sera i parlamentari Pd sono stati chiamati a serrare le fila.

«Non si tratta di mettere una zeppa o far passare una modifica - dice il vicepresidente della Camera, il renziano Roberto Giachetti - se viene approvata una delle pregiudiziali si seppellisce la legge elettorale e l' intero processo delle riforme, e si può precipitare il paese verso una legislatura ancora peggiore di questa. Chi mira a proseguire nell' immobilismo e a tenersi il proporzionale senza vincitori né vinti può essere tentato dal blitz a voto segreto». A dare una mano al ricompattamento sono però i 5 Stelle. Quello che nel Pd chiamano «l'impazzimento di Grillo» viene guardato - paradossalmente con una certa soddisfazione da Renzi e dai suoi. Certo c' è sconcerto e preoccupazione per le azioni «squadristiche» messe in atto dagli adepti del comico per fermare l' Italicum, ma la lettura che se ne dà dalle parti del Nazareno è una sola: Grillo e Casaleggio hanno paura del processo riformatore che si è messo in moto. E l' effetto che sortiscono,alla fine, è quello di accelerarlo, e di spuntare le armi agli oppositori interni.

Non a caso ieri anche Gianni Cuperlo, capo della minoranza antirenziana, ha riconosciuto che «Renzi ha cambiato il quadro, e ora il traguardo della riforma è più vicino.Tagliarlo è interesse di tutti». Stefano Bonaccini, l' emiliano che è stato il coordinatore della campagna renziana, la spiega così: «Non va sottovalutata la gazzarra indegna messa in atto dai grillini. Non a caso il giorno prima Casaleggio è corso a Roma: quello che è accaduto in questi giorni era tutto pianificato. Grillo è preoccupato, perché dopo decenni di inerzia la politica sta iniziando a fare le riforme e a decidere, mentre lui vuole votare col proporzionale della Corte e vuole che destra e sinistra siano costrette ad allearsi di nuovo». Altro che spontanea rivolta dei parlamentari, la messinscena sul decreto Imu era puramente strumentale al rallentamento dell' Italicum. E infatti, fanno notare dal Pd, «lo stesso decreto è passato settimane fa al Senato senza che i grillini aprissero bocca».

Renzi celebra il debutto in aula del «suo» Italicum ricordando che è solo una prima tappa della marcia forzata cui sta costringendo la politica italiana: «Abbiamo dimostrato nell' accordo fatto con Forza Italia che sulle regole siamo persone serie, e andiamo avanti insieme proprio perché non vogliamo governare insieme». Il leader Pd annuncia che «abbiamo già fissato una data: entro il 15 febbraio ci sarà un testo condiviso per superare il Senato e rivedere i poteri delle Regioni. Sono assolutamente certo che si faranno». Prima però va superato l' ostacolo del voto di oggi. 


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta