Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Difesa, non solo F35. Da Giachetti risparmi strutturali da 500 milioni a 1 miliardo annui

 
Roma, 06-05-2014

(ANSA) Non solo F35. Ma anche l'eliminazione del "beneficio da casta ottocentesca" delle promozioni alla vigilia del congedo e il taglio degli stipendi dei cappellani militari. Il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti propone una serie di tagli alle forze armate e di polizia, che porterebbero un risparmio di 500 milioni l'anno e fino a un miliardo di spese in meno se si sostituissero le caserme dismesse agli immobili in affitto. Risparmi che, sottolinea Giachetti, a differenza di quelli 'una tantum' sugli F35 («e' incerto, tra l'altro, il valore di ogni aereo: c'e' chi dice 80 milioni, chi dice 150»), sarebbero "strutturali". Gli interventi sono contenuti in emendamenti che il deputato Pd pensa di presentare alla riforma della P.a. in arrivo a giugno. Ma che fin d'ora mette «a disposizione del presidente del Consiglio, del ministro della Difesa e del commissario Cottarelli, con l'auspicio che li accolgano almeno in parte».

Tra le proposte di Giachetti c'e' l'eliminazione del trattamento economico a carico dello Stato per il personale religioso che opera nell'ambito delle forze armate, per un risparmio di 6,3 milioni l'anno. Il deputato Pd propone inoltre di ridiscutere gli stipendi dei cappellani militari (124 sono in organico in polizia), che, spiega, hanno uno stipendio base di «1700 euro al mese ma possono arrivare dopo pochi anni a 4000 netti, equiparati ad alti ufficiali». Ma il maggior risparmio (430 milioni di euro l'anno) potrebbe venire, spiega il deputato Pd, dall'eliminazione del trattamento di ausiliaria riservato al personale militare che abbia raggiunto il limite di eta' previsto per il pensionamento in ciascuna arma, ciascun ruolo e ciascun grado. Tra le altre proposte, l'abrogazione delle indennita' di missione per i membri delle rappresentanze militari e l'eliminazione degli automatismi della «omogeneizzazione stipendiale», che, dopo un certo numero di anni di servizio, attribuisce a sottoufficiali e ufficiali uno stipendio superiore al loro grado e alla loro funzione effettiva.

Da abolire, poi, secondo Giachetti, il «privilegio ottocentesco» che consente ai militari di andare in pensione con una promozione alla vigilia del congedo, con i relativi benefici. Infine, si potrebbe tagliare la spesa a carico dello Stato «destinando gli immobili dismessi della Difesa agli uffici che attualmente sono in affitto, di Prefetture, Polizia, Carabinieri, Vigili del fuoco e Guardia di finanza. L'operazione non entrerebbe in contraddizione con la valorizzazione del patrimonio attraverso la vendita di una parte delle ex caserme».


(DIRE) Ecco le misure proposte da Giachetti con il relativo risparmio:

  1. Incentivi a piloti e controllori
    Eliminazione delle disposizioni che nel 2000 e nel 2003 avevano introdotto i premi di rafferma per evitare l'esodo dei piloti militari e dei controllori militari del traffico aereo verso le compagnie aeree e l'ENAV che garantivano trattamenti economici piu' elevati. Risparmio valutato in 5 milioni di euro l'anno.
  2. Eliminazione delle spese relative alle indennità di missione dei membri dei consigli della rappresentanza militare 
    I membri dei consigli fruiscono del trattamento di missione intero o forfettario nella misura di 110 euro/giorno a differenza del restante personale che per disposizioni per il contenimento della spesa e' obbligato a fruire di vitto e alloggio a carico dell'amministrazione. Risparmi previsti: 5,2 milioni di euro per le sole spese di missione dei delegati. In caso di eliminazione totale dell'istituto della rappresentanza militare e l'applicazione delle norme previste dagli artt. 82, 83, 84, 88, 89, 90, 91, 92, 93 e 95 della legge 1o aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni, il risparmio complessivo inteso come spese di funzionamento degli uffici e costo forza lavoro ammonta a circa 40 milioni di euro derivante dalla soppressione di tutti gli uffici dedicati alla Rappresentanza militare e renderebbe immediatamente disponibili ingenti risorse umane e logistiche.
  3. Eliminazione dell'attribuzione agli ufficiali delle Forze armate e gradi equiparati e Forze di polizia del trattamento economico
    previsto per i colonnelli/primo dirigente al compimento di 13/15 anni di servizio e di brigadiere generale/dirigente superiore con 23/25 anni di servizio, pur non rivestendo il relativo grado o funzione detta anche "omogenizzazione stipendiale". Contestuale attribuzione dell'assegno funzionale previsto per gli ufficiali provenienti dai ruoli inferiori. Risparmio previsto: 30 milioni di euro l'anno.
  4. Eliminazione delle promozioni al grado superiore alla vigilia del collocamento in congedo.
    le c.d. "promozioni alla vigilia" attribuiscono benefici economici al personale in servizio per un solo giorno con effetti di natura pensionistica. Risparmio previsto non quantificabile.
  5. Eliminazione del trattamento di ausiliaria riservato al personale militare.
    La posizione di ausiliaria e' una particolare posizione giuridica afferente lo Status militare alla quale accede il personale militare che abbia raggiunto il limite di età previsto per il pensionamento in ciascuna arma, ciascun ruolo e ciascun grado e può essere chiamato a prestare servizi che non siano riservati, da disposizioni di legge o di regolamento. Al personale transitato nella posizione di "ausiliaria" e' corrisposta una indennita' economica. Al militare in ausiliaria compete, in aggiunta al trattamento di quiescenza, una indennita' annua lorda, pari al 70 per cento della differenza tra il trattamento di quiescenza percepito e il trattamento economico spettante nel tempo al pari grado in servizio dello stesso ruolo, e con anzianita' di servizio corrispondente a quella effettivamente posseduta dal militare all'atto del collocamento in ausiliaria. Risparmio previsto 430 milioni di euro l'anno.
  6. Eliminazione delle norme che permettono i richiami in servizio del personale militare
    Dallo stato di previsione per la Difesa per l'anno 2011 risultano essere stati richiamati in servizio 187 ufficiali, 4 marescialli, 1 sergente. Il personale richiamato gode del trattamento previsto per il grado/livello i quello in servizio permanente effettivo. Risparmio previsto non inferiore a 2,5 milioni di euro l'anno.
  7. Eliminazione del trattamento economico a carico dello Stato per il personale religioso
    operante nell'ambito delle Forze armate e delle Forze di polizia a ordinariato militare. Risparmio previsto 6,3 milioni di euro l'anno.
  8. Eliminazione delle spese per canoni di locazione
    per le Prefetture, la Polizia di Stato, l'Arma dei carabinieri, il Corpo dei Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza (legge finanziaria e bilancio dello Stato anno corrente. Risparmi previsti:
    PREFETTURE: 2013 previsioni assestate 23.393.216; 2014 previsioni risultanti 19.894.246
    POLIZIA STATO: 2013 previsioni assestate 141.291.132; 2014 previsioni risultanti 150.000.000
    ARMA CARABINIERI: 2013 previsioni assestate 198.825.550; 2014 previsioni risultanti 200.000.000
    VV.FF.: 2013 previsioni assestate 13.925.703; 2014 previsioni risultanti 13.929.221
    GUARDIA DI FINANZA: 2013 previsioni assestate 30.350.643; 2014 previsioni risultanti 29.905.580
    TOTALE PREVISIONI ASSESTATE 2013: euro 407.786.244
    TOTALE PREVISIONI RISULTANTI 2014: euro 413.729.047.

Per approfondire: cliccare qui

Ci sono 7 commenti - Commenta l'articolo commenta



Bisogna conoscere .....

Sig. Nieddu .... Non approvo la sua lamentela, conosco bene il suo Cognome in Guardia di Finanza.

Inviato da Franco il 27-07-2014alle 01:14
piccoli cottarelli crescono

Cottarelli, taglia lo stipendio ( a 0 zero Euro a carico del contribuente) a questo Signore! E' un mangia pane ad ufo! Come si fa a scaldare la sedia in Parlamento ed essere così pressapochista. Giachetti... ma vatti a fare un bagno a mare, Va!

Inviato da Filippo il 12-05-2014alle 09:39
Voltastomaco...

...ho provato ad ascoltare l'intervento di questo signore, ma proprio non ho resistito....la solita accozzaglia di approssimazione e luoghi comuni farciti dal più bieco antimilitareimo....nulla di nuovo all'orizzonte....costui ed il turpe figuro che gli sedeva accanto sono degni rappresentanti di questa Italia allo sfacelo...

Inviato da sigurd il 11-05-2014alle 00:24
Tagli agli sprechi della difesa

Sentita ed apprezzato l'intervento sui tagli per le spese militari..lavoro nel settore...analisi precisa e più volte lamentata da noi "addetti ai lavori"...un consiglio..perché nn affrontare anche l'uso indiscriminato dell'istituto della ce pensione privilegiata( spessa concessa con procedure a dir poco "disinvolte")? Grazie dell'ottimo lavoro

Inviato da Silvana il 09-05-2014alle 08:51
Stipendi degli ufficiali superiori

Buongiorno, sono un Ten. Col. della Guardia di Finanza, lavoro alla DIA da 2 anni, mi occupo di misure di prevenzione nei confronti dei mafiosi e prima,, in 29 anni di servizio svolto senza alcuna sbavatura, ho comandato diversi reparti, tutti con una media di 70-100 uomini alle dipendenze, con uno stipendio netto che, non supera i 2500 €, ma solo perchè ho avuto la fortuna di maturare quei 13-15 anni di anzianità da ufficiale che mi hanno consentito di acquisire quella che viene definita la mini-dirigenza. Nel 2011 mi hanno bloccato la seconda maturazione, quella per intenderci dei 23-25 anni che mi avrebbe consentito di maturare un aumento di circa 600 euro mensili. In pratica in questi quattro anni, credo di aver dato allo stato circa dai 25.000/ai 30.000 €, che ho dovuto togliere dal programma di creare un fondo per gli studi ai miei figli (per l'università si intende). Ora vengo a sapere che tale aumento di stipendio è nelle sue intenzioni di revisione. Mi permetta di dirle che un ufficiale superiore di una qualsiasi forza armata ha responsabilità che comprendono il comando di Reparti o articolazioni con mediamente 50/100 persone e con obiettivi da raggiungere ogni anno, che diventano sempre più gravosi man mano che passa il tempo, in quanto la gerarchia, su richiesta dell'autorità di Governo, si sente in dovere di fare promesse sempre più elevate, tanto poi ci pensano i soliti "fessi" a raggiungere tali obiettivi, scannandosi e scannando il personale alle dipendenze, facendo un lavoro direi da sergente dei marines. Tutto questo con stipendi che si differenziano da quelle dei propri sottoposti, in genere Ispettori, di massimo 2/300 euro, i quali hanno però molte meno responsabilità, sia di fronte all'autorità di governo (gerarchia o uffici di altre amministrazioni) sia di fronte, per esempio, ad uffici più pericolosi da trattare, quali quelli della magistratura inquirente, da cui io dipendo funzionalmente. A questo punto, la domanda sorge spontanea: ma perchè per risparmiare 30 milioni si devono colpire i soliti noti ( ma sarebbe meglio dire i soliti fessi) quando basterebbe ridurre del 15% le spese del Quirinale per ottenere lo stesso risultato? di più, perchè non ridurre il 5 per cento dei costi dellla Camera dei deputati di cui Lei fa parte? Oppure ancora, perchè non adottare misure efficaci di contenimento della spesa nel comparto sicurezza, quali ad esempio unificare le sale operative delle diverse forze di polizia, visto che a Roma ve ne sono circa 31? Ometto ovviamente gli interventi sulle pensioni d'oro o sugli stipendi dei meneger di società muinicipalizzate che non servono a nulla tranne che a dare prebende a parenti o amici fedeli! La risposta appare semplice, è molto più facile colpire chi non può nascondersi, o chi lavora alla luce del sole, sia come attività sia come retribuzione... Ma uno sforzino Lo fate mai per tirare fuori questo paese dalla stagnazione in cui è capitato grazie a questa classe politica cialtrona e disonesta ?(con tutte le dovute eccezioni di chi lavora onestamente e bene). Io spero che certe decisioni siano prese guardando il bene comune. facendo fare sacrifici a tutti, e non solo a pochi.. così come spero che non si abbatta ancora di più la capacità di consumo o un tenore di vita dignitoso di onesti servitori dello stato ( E SOTTOLINEO SERVITORI DELLA COLLETTIVITA').

Inviato da Marco Nieddu il 08-05-2014alle 08:39
NO SPRECHI , SI DIRITTI, NO PRIVILEGI .

Da privato Cittadino che dire???? Si diritti per molti NO privilegi per pochi . ps ma perche' a sti militari non gli fate fare il Sindacato cosi se li pagano da soli i loto rappresentanti????

Inviato da CENTO UNATANTUM il 06-05-2014alle 22:58
Giachettismo

Caro Giachetti io concordo pienamente su tutto ma poniti una domanda:te lo permetteranno i restauratori del congresso di Vienna presenti in parlamento ?

Inviato da manuela il 06-05-2014alle 19:36