Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Non abdico alle mie responsabilità


Roma, 20-04-2013

Cari amici che frequentate e scrivete su questo sito, se in questi anni qualcosa mi è stato riconosciuto è la capacità di ragionare con la mia testa e di scegliere in modo libero e responsabile. Il fatto che qui ognuno scriva quello che vuole - anche critiche e, qualche volta, insulti - senza che mai un commento venga cancellato è frutto della mia volontà, non solo quella di ascoltare tutti (anche chi non concorda con me) ma anche di far conoscere senza filtri le vostre opinioni, a maggior ragione quelle in dissenso con le mie.

Resta poi il mio, esclusivamente il mio DOVERE assumere le decisioni e le scelte che ritengo più giuste e necessarie. Cerco di farlo sempre con umiltà e con il senso di responsabilità di cui sono capace. Ma chi ha ruoli in politica, a qualunque livello, ha al contempo l’obbligo di ascoltare, la necessità di valutare nel modo più ampio possibile ciò che ascolta e alla fine deve compiere delle scelte. Siccome, a differenza di quello che ormai si pensa, avere responsabilità comporta anche oneri e non solo facili gratificazioni, voglio precisare con estrema chiarezza che non faccio parte di coloro che, per essere amati, dicono di sì a tutti e scelgono unicamente in base al parametro del consenso che può derivarne.

Perché questo metodo, per quanto mi riguarda, significherebbe abdicare alle mie responsabilità. Non lo farò neanche in questa occasione, sapendo benissimo che la mia decisione di appoggiare convintamente la rielezione a Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano non sarà condivisa da tutti. Ma so che, valutato tutto, questa è la scelta giusta innanzitutto per il Paese, per la ricostruzione della politica, per creare le condizioni di un futuro migliore.


Ci sono 4 commenti - Commenta l'articolo commenta



Non voterò più questo pd

Rispetto per l'assunzione di responsabilità, ma per favore almeno tu spiegami il perché di questa scelta che porterà (giustamente) il pd a percentuali minime. Gente più intelligente e più informata di me non sa rispondermi. Ascoltare il mondo intorno a sé e decidere di conseguenza non è necessariamente compiacere il popolo ignorante e bruto. Sono d'accordo che la politica non è marketing, ma nemmeno far finta di nulla.

Inviato da Giuliano il 20-04-2013alle 17:56
gaudo

Hai fatto bene a votare Napolitano. E ora di dare un taglio anche con Sel. L' ennesima alleanza sbagliata. Come si fa a non capirlo. Il pd deve avere una visione maggioritaria e non inseguire ancora i rifondati che oggi si chiama Vendola.

Inviato da Gaudenzi F il 20-04-2013alle 13:51
GIACHETTI, BONINO e...PRNTT

Roberto, su di te si può contare e di te ci si può fidare perché "dici quello che pensi e fai quello che dici" Non per niente sei doppia tessera del Partito Radicale!Chi ha paura di questo PARTITO RADICALE NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO accreditato all'ONU, strumento di battaglie per la conquista di diritti umani e civili nel mondo? Ai mille parlamentari non mancheranno certo i 200 Euro di iscrizione. Perché non seguono il tuo esempio? Grazie e Auguri per il tuo lavoro, per tutti noi e anche per il PD che non si sfasci, solo se diventa un "vero" PARTITO DEMOCRATICO

Inviato da Mariolina Nobili il 20-04-2013alle 08:43
PdR

Roberto a te non può che andare il nostro rispetto, a prescindere dalle scelte. Grazie

Inviato da oleg il 20-04-2013alle 06:58