Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Giachetti all'attacco della minoranza: «Sono stati al governo migliaia di giorni e ancora pontificano»


Scarica l'estratto dalla pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 30-09-2014
Fonte: La Stampa

«Sa quanti giorni è stato al governo Bersani?».

No, vicepresidente Giachetti.
«2571. Bindi 2158. D' Alema un po' meno, 1271, ma ha fatto il presidente del Consiglio. Damiano, ex ministro del lavoro, 720 giorni. Chiti 1132. E questi compagni ancora pontificano e propongono soluzioni miracolose come se non avessero mai potuto mettere alla prova i loro messaggi salvifici».

Scusi, ma veramente si è messo a contare i giorni di governo di ciascuno di loro?
«Certo, nei giorni scorsi, quando ho notato il combinato disposto delle dichiarazioni della minoranza contro Renzi con il fatto di dire che sul tema del lavoro si deve votare secondo coscienza: allora ha ragione Grillo, facciano cadere Renzi».

Ma la minoranza non ha mai detto di voler far cadere il governo Renzi.
«Il problema è proprio il non detto».

Con il suo intervento in Direzione si sarà fatto tanti amici: ha attaccato tutti, da D' Alema a Bersani a Cuperlo…
«Non sono mai stato particolarmente amato dall' attuale minoranza quando era maggioranza, figuriamoci ora…».

Bersani ha lamentato un metodo Boffo contro di lui.
«Non mi pare che qualunque dichiarazione fatta da Renzi abbia minimamente tolto la dignità a Bersani. Mentre ho letto dichiarazioni durissime contro Renzi. Quando l' ho detto durante il mio intervento, Pierluigi ha detto "Trovami una sola frase che ho detto io". Gli ho risposto che non l' ho mai sentito gridare contro il metodo Boffo nei confronti di Matteo quando qualcuno diceva che è istruito da Verdini».

Perché un intervento così duro, però? Lo stesso segretario ha evitato attacchi così pesanti.
«E' noto che io sono in minoranza nella maggioranza. Ero in dissenso con Renzi sul fatto di fare il governo, che da mattina a sera viene mitragliato dal fuoco amico».

Pensa ancora che sia il caso di andare a votare?
«Più andiamo avanti più me ne convinco. Ma le pare che ogni volta che si discute, che si parli di lavoro, di Costituzione, di Pa, di legge elettorale, il primo fuoco è quello amico? Penso che Renzi abbia il diritto, come i leader del passato, di tentare di fare le cose non dico con una maggioranza coesa, ma perlomeno guidata da un principio di lealtà».

Passata la Direzione ora cosa succederà in Parlamento?
«Ripartirà una battaglia campale al Senato com' è successo per la riforma costituzionale».
 


Ci sono 3 commenti - Commenta l'articolo commenta



Fortuna che c'e' Roberto Giachetti

Inviato da Gian Piero il 07-10-2014alle 17:38
Onore a Giacchetti

Inviato da toto il 30-09-2014alle 16:12
Plauso a Giacchetti

Nessuna ruffianeria, Giacchetti mi piace molto anche so non condivido tutto quello che dice. Lo ammiro per coerenza e limpidezza di pensiero.

Inviato da Flavio il 30-09-2014alle 15:53