Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Italicum solo per la Camera incostituzionale? Potrei dire CVD ma preferisco no comment.


Foto articolo
Roma, 20-11-2014

3 Marzo 2014 - dichiarazione di Alfredo D'Attorre 
"Una possibile mediazione che evita pasticci elettorali ed e' coerente con il superamento del Senato". Alfredo D'Attorre spiega cosi' il senso del suo emendamento alla legge elettorale che circoscrive l'Italicum alla sola Camera dei deputati. "E' anche una modifica coerente con il messaggio che Renzi ha lanciato e -aggiunge il deputato del Pd- se davvero c'e' l'accordo di Renzi con Forza Italia su questo perche' non essere d'accordo e mettere tutto in chiaro?". D'attorre esclude anche rischi legati ad una eventuale incostituzionalita' di una legge elettorale valida solo per una Camera: "Nella prima Repubblica era gia' cosi' e anche nel Porcellum alcune cose erano diverse tra Camera e Senato. Inoltre, parliamo di una ipotesi estrema perche' il Senato dovra' essere superato". Altrimenti, sottolinea l'esponente dem, il problema sarebbe diverso: "Se si blocca la riforma del Senato avremo bisogno di una nuova legge elettorale perche' l'Italicum ha delle tare pazzesche".

12 Marzo 2014 - così replicavo su questo sito
“Insomma non è la legge che io avrei voluto ma è un significativo passo avanti. C’è un punto di dissenso totale invece da parte mia e riguarda la decisione di stralciare l’articolo due, cioè di renderla valida solo per la Camera. L’ho detto e lo ripeto: al di là dei diffusi dubbi sulla razionalità di una norma che riguardi solo una Camera in attesa che l’altra sia superata”.

19 Novembre 2014 - dichiarazione di Gaetano Silvestri, ex presidente Consulta che ha bocciato il Porcellum
"E' essenziale" inserire nella riforma elettorale una"clausola di salvaguardia" che dica che, qualora si vada al voto prima dell'approvazione della riforma del Senato, per palazzo Madama si vota con l'Italicum. Lo ha detto l'ex presidente della Corte Costituzionale, Gaetano Silvestri, che guidava la Consulta quando essa dichiaro' illegittimo il Porcellum.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta