Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalit quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti alluso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Il silenzio

 
Roma, 03-03-2015

Qualcuno ha avuto bisogno di dire che io avrei chiesto di cacciare qualcun altro. No, mi spiace ma non fa parte della mia cultura. Chi ha letto la testualità di quell’intervista sa che ho detto altro. Ma tant’è, dopo mesi nei quali sul Pd e sullo stesso Segretario se ne sono sentite di cotte e di crude arriva il richiamo al “rispetto reciproco”. Accade oggi a conferma purtroppo che nel nostro PD c’è qualcuno che è “più” nel dire come nel fare. Ne prendo atto. Io però ho un problema dalla nascita: dico quello che penso.

Il primo a saperlo è lo stesso Segretario al quale non ho mai mancato anche pubblicamente di manifestarlo, salvo poi uniformarmi lealmente alle decisioni che gli organi di partito di ieri come di oggi prendevano democraticamente. Questo per me è sempre stato il massimo di rispetto nei confronti della comunità di cui faccio parte. Ma evidentemente anche sul concetto di rispetto ho una visione assolutamente minoritaria. Ne prendo atto. Non ho alcuna intenzione di disturbare il sereno e civile clima di confronto che alberga nel nostro partito. Poiché però nessuno, neanche il segretario del PD, può chiedermi di non dire quello che penso e poiché mi è impossibile non pensare, l’unico contributo che posso fornire è quello di tacere.

Ed è quello che farò per qualche tempo. Resterò silente ad osservare la correttezza altrui a cominciare dal passaggio alla Camera della legge elettorale. Dopo di che trarrò le mie conclusioni. Queste poche parole siano anche un “avviso di servizio” per gli amici giornalisti e per tutti i frequentatori del mio blog e dei social dove da oggi e per un po’ di tempo mi occuperò esclusivamente di sport e di umanità varia. Arrivederci!


Per approfondire: cliccare qui

Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta