Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

“Qualsiasi cosa facciamo, non dobbiamo consentire che il nostro passato diventi il futuro dei nostri figli” E. Wiesel


Roma, 27-01-2010

Mentre il mondo celebra oggi la giornata della memoria, mentre il premio Nobel per la pace Elie Wiesel ha appena concluso il suo discorso alla Camera dei deputati ricordando che “non viviamo nel passato ma il passato vive nel presente”, alcune scritte antisemite sono apparse lungo tutto il tratto di via Cavour a Roma fino ad imbrattare anche la targa del museo della Liberazione in via Tasso. Scritte ignobili contro il capo della comunità ebraica romana Pacifici siglate da croci celtiche e farneticanti slogan revisionistici.

Proprio il fatto che nella stessa giornata da Teheran arrivino agghiaccianti dichiarazioni in merito alla distruzione di Israele rende quantomai attuale il valore di ciò che realmente significa ricordare un momento della storia in cui il male fu davvero assoluto. Finchè ci sarà qualcuno a deturpare i muri di una città simbolo dell’orrore nazista ai danni degli ebrei significa che una certa cultura dell’odio razziale non è affatto morta ma, anzi, negli ultimi anni in Europa è cresciuta sotto forma di piccole e grandi discriminazioni.

Limitarci a considerare delinquenti gli autori di questi atti vergognosi vorrebbe dire chiudere gli occhi sulla realtà, vorrebbe dire perdere di vista che l’educazione e la cultura della memoria investono tanto la società che la politica, significano fatica ed impegno nell’affermazione di valori universali che davvero costituiscano un patrimonio comune e condiviso.

Per questo, oltre a condannare com’è giusto simili episodi, non bisogna mai smettere di ricordare.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta