Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

Il solito weekend di ordinaria follia


Roma, 07-12-2009

Come un clichè obbligato nella domenica di calcio all’italiana non si placano le violenze e gli atti di imbecillità allo stato puro che gli spalti dei nostri stadi ormai ci regalano a cadenza settimanale. Dopo l’ennesimo ritornello “se saltelli muore Balotelli” riecheggiato sabato sera nel corso di Juventus Inter il banco di prova del derby romano si è rivelato infallibile e scontato per quel gruppo di delinquenti che hanno rovinato la partita dentro lo stadio dandosi al lancio incrociato di petardi e bombe carta.

Tralasciando l’aperitivo, cioè una serie di scontri nel prepartita che hanno visto coalizzati laziali e romanisti contro le forze dell’ordine, ciò che è avvenuto ieri in tribuna tevere è tanto grave che una multa di 40.000 euro ad entrambe le società fa quasi ridere se non fosse che è vero. Sono un abbonato in tevere e chi frequenta lo stadio sa benissimo che non si entra neanche con una bottiglietta d’acqua e men che meno se a tenerla in mano è un bambino di 5 anni. Invece, non si sa mai come, i cosiddetti bomboni che hanno funestato lo spettacolo a migliaia di tifosi (al punto che Rizzoli ha interrotto la partita per una decina di minuti) sfuggono inesorabilmente a tutti i controlli.

Al di là delle sanzioni pecuniarie francamente ridicole (una squalifica del campo per entrambe le squadre forse avrebbe dato un segnale di maggior serietà) io penso che ci sia qualcosa di incomprensibile ed inquietante finchè qualcuno non spiega come sia possibile che un’intera fetta dello stadio debba essere ostaggio di un gruppo di delinquenti imbecilli a cui tutto è concesso.

Vorrei sapere se i lanciatori di petardi sono stati individuati e se, come prevede la legge, non metteranno mai piu piede in uno stadio. E vorrei che qualcuno spiegasse come e perchè riescono ad entrare le bombe carta dentro uno stadio. Vorrei che ci fosse qualcuno che si prendesse la responsabilità per delle perquisizioni che o non vengono fatte o vengono fatte male, tertium non datur.

Perchè quello che è accaduto ieri è letteralmente assurdo oltre che vergognoso, e mi fa onestamente dubitare che ci sia una reale volontà di cambiare profondamente questo stato di cose.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta