Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Duello Vendola-Orfini, a Roma il centrosinistra si rompe


Scarica l'estratto dalla pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 17-01-2016
Fonte: Corriere della sera

Vendola che ironizza sulla «spocchia» di Orfini e accusa il premier di aver «renzizzato» Roma con Roberto Giachetti, visto da sinistra come il candidato del Partito della nazione. Orfini che replica via Twitter: «Tu puoi scegliere il candidato nel chiuso di una stanza, mentre chi fa le primarie divide?». E il leader di Sel: «Voi nel chiuso di una stanza avete cacciato Marino». Da alleati a nemici giurati. La sfida per il Campidoglio parte con uno scontro a sinistra, gravido di ripercussioni sul piano nazionale. Giachetti ha ceduto al pressing di Renzi e ha accettato l'«impegno immenso e gravoso» di correre alle primarie. In «splendida» solitudine, per ora, visto che Stefano Fassina non si presenterà il 6 marzo ai gazebo del centrosinistra. «Non ci sono le condizioni», chiude Nicola Fratoianni. Per Renzi la tela delle alleanze è ancora tutta da tessere e dal gioco del cerino rischia di divampare un incendio. Di chi è la colpa, se la coalizione è finita in pezzi? «Noi abbiamo lasciato le porte aperte - attacca Orfini - Se Fassina ha paura, in bocca al lupo. Ci vedremo alle elezioni». Ma se al ballottaggio Fassina tifasse per il candidato dei Cinquestelle? Al culmine di una giornata di accuse tra fratelli coltelli, il candidato della sinistra avvisa i naviganti: «Una fetta consistente del popolo dem non vota Pd. Noi vogliamo evitare che un pezzo del nostro mondo si rassegni, confinandosi nell' astensione o scegliendo altre strade». A innescare la lite è il documento con cui Walter Tocci, l' ex vicesindaco di Rutelli molto corteggiato da un pezzo di sinistra romana, ha rilanciato la suggestione di una lista civica senza i vessilli del Pd. «È una cosa irricevibile e priva di senso politico - si indigna Orfini -. Il Pd si presenta col suo simbolo, orgoglioso di esporlo». Aspra la replica di Fassina, pronto a farsi da parte per il «lodo» Tocci: «La responsabilità della rottura è del Pd, che invoca alleanze e tace sul programma». Quanto a Giachetti, Fassina lo vede come «un ultras del Jobs act, della scuola, delle trivelle, dell' Italicum, della revisione del Senato». E c' è un altro interrogativo che tormenta i dem. Cosa farà Ignazio Marino? La lista personale sembra tramontata, ma l' ex sindaco può ancora candidarsi alle primarie. Il resto della tensione l' ha innescata Tocci sul suo blog. Il senatore assicura che la sua candidatura «non è mai esistita», però sprona Renzi ad affrontare la questione romana con «umiltà e coraggio». Lamenta l' assenza di un «programma credibile», chiede al Pd di metter fine al commissariamento, invoca il congresso e chiude con un cattivo presagio: «Sono gli stessi errori del 2013».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta