Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Rassegna stampa > articolo

Primarie a sinistra la corsa solitaria di Giachetti parte dal Tiburtino


Scarica la pagina del quotidiano

Foto articolo
Roma, 28-01-2016
Fonte: La Repubblica

LUNGO via Tiburtina c' è il traffico delle sei e mezzo di sera. Roberto Giachetti, con un' ora di ritardo, corre in sella al suo scooter, un Piaggio X10, verso il suo ultimo appuntamento della prima giornata di campagna elettorale: «Quanto manca? - chiede a Luciano Nobili, suo braccio destro, affiancando la sua auto - la temperatura dell' acqua nel radiatore aumenta». E di chilometri ieri il candidato Pd alle primarie del 6 marzo ne ha fatti parecchi, sempre in scooter: da Settecamini, fuori dal Gra, all' area archeologica 'Ad Nonas' sulla Tiburtina, dalla fabbrica Gentilini a Pietralata, dal Tecnopolo fino all' ultimo incontro pubblico, davanti a più di cento persone nei locali dell' associazione 'Musica incontro'. D' altra parte lo slogan (con hashtag d' ordinanza per i social network) è #TuttaRoma.

Una capitale da battere, sostiene Giachetti, «strada per strada», dividendola «in una trentina di settori e, per ciascuno, segnare quali sono le emergenze, i problemi e pensare alle soluzioni». Nel frattempo, però, il candidato ha bisogno di risolverne uno, tutto di carattere politico, che potrebbe determinarne il futuro: le primarie. Mentre Pd e Sei certificano, al termine di un incontro tra Matteo Orfini e Paolo Cento, la definitiva rottura («Non parteciperemo alle primarie», chiude il vendoliano), l' ombra del flop si allunga sulla consultazione interna al centrosinistra.
La svela, da Milano, Giuseppe Sala, il favorito nella sfida ai gazebo che lì si terrà il 6 e 7 febbraio: «Ho sentito il candidato alle primarie di Roma, Roberto Giachetti, e lui è disperato perche nessuno vuole partecipare alle primarie». Il termine ultimo per presentare le candidature è il 10 febbraio. In questa settimana potrebbero arrivare novità. Forse nella partita ci sarà l' ex assessore Estella Marino, espressione dei 'ribelli' del Pd. «Penso faccia bene al partito e alla politica», chiosa Giachetti.

Fuori, all' esterno del recinto Dem, si muove Stefano Fassina e, forse, anche l' ex sindaco Ignazio Marino. «Se il grande risultato della loro unione - attacca il candidato Pd su Repubblica Tv - sarà quello di tentare di far sal-Gabrielli tare la possibilità che il centrosinistra riprenda il governo della città auguri per loro. Io vado per un' altra strada». Quella scelta, per il momento, è l' ascolto della città. Partendo, appunto, dalle periferie. Nell' incontro conclusivo del suo primo giorno di campagna, numerosi gli interventi dei residenti del Tiburtino sui problemi relativi alla viabilità. Tra i presenti (molti pensionati, alcuni giovani tra le prime file) anche ex consiglieri comunali: Fabrizio Panecaldo, Athos De Luca, Michela Di Biase.


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta