Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARCHIVIO RASSEGNA STAMPA VIDEO #ROMATORNAROMA
Roberto Giachetti > Politica > articolo

GIACHETTI(PD): CROLLO ASCOLTI NEL LAZIO. CHI PAGA I DANNI?


Roma, 26-11-2009
Fonte: Asca

«Alla luce del calo di ascolti del 9 per cento fatto registrare nel Lazio dopo il passaggio al digitale terrestre, venga individuato al piu’ presto il responsabile dello switch off gestito in maniera così dilettantesca e il governo dica come verranno risarciti inserzionisti e telespettatori». E’ quanto dichiara Roberto Giachetti deputato del Partito Democratico, preannunciando un’interrogazione urgente al Ministro dello Sviluppo Economico e al viceministro alle Comunicazioni Paolo Romani.

«I dati Auditel sono impietosi. Secondo quanto riportato dalla stampa - spiega Giachetti - e in particolare da una rilevazione pubblicata dal Clandestino, il passaggio al digitale nel Lazio ha causato un crollo degli ascolti pari al 9%, con punte di quasi il 30% per La7, del 21% per Raitre, del 16% per Italia 1, del 14% per Raiuno».

«Nel frattempo e’ raddoppiato l’ascolto della piattaforma satellitare. Da giorni continua il flusso di notizie sui pesanti disagi subiti dai cittadini», denuncia l’esponente del PD. «Molti utenti ancora oggi non possono vedere i canali che fino a poco piu’ di una settimana fa vedevano tranquillamente. Gli inserzionisti subiscono danni pesanti che vanno a gravare anche sulle emittenti, in particolare le emittenti piu’ piccole. I problemi di interferenze colpiscono anche le regioni vicine al Lazio, in particolare Umbria e Toscana, da dove arrivano segnalazioni di frequenze sovrapposte e visione diventata in alcuni casi impossibile».

«Si configurano quindi danni pesantissimi agli utenti, alle aziende televisive e agli inserzionisti pubblicitari», conclude Giachetti. «Il governo individui chi e’ il responsabile di una gestione cosi’ disastrosa e dica quali risorse saranno messe in campo per porre rimedio».


Non ci sono commenti - Commenta l'articolo commenta